Archivi Blog

500 scienziati scivono all’ONU: Non c’e` alcuna emergenza climatica

Più di 500 scienziati e professionisti del clima e di settori correlati hanno inviato una “Dichiarazione Climatica” al Segretario generale delle Nazioni Unite chiedendo un dibattito aperto, atteso da tempo, di alto livello sui cambiamenti climatici.

Proprio mentre la sedicenne attivista climatica svedese Greta Thunberg si è rivolta al summit delle Nazioni Unite per il clima a New York accusando i leader mondiali di averla derubata del suo futuro, gli scienziati hanno implorato le Nazioni Unite di impedire all’isteria di oscurare i fatti.

“La scienza del clima dovrebbe essere meno politica, mentre le politiche del clima dovrebbero essere più scientifiche”, afferma la dichiarazione. “Gli scienziati dovrebbero affrontare apertamente le incertezze e le esagerazioni nelle loro previsioni sul riscaldamento globale, mentre i politici dovrebbero spassionatamente contare i benefici reali così come i costi immaginati dell’adattamento al riscaldamento globale, nonché i costi reali e i benefici immaginati della mitigazione”.

Gli scienziati hanno sottolineato l’importanza di non precipitarsi in azioni climatiche enormemente costose prima di accertare appieno i fatti.

“Non ci sono prove statistiche che il riscaldamento globale stia intensificando uragani, alluvioni, siccità e simili calamità naturali, o rendendoli più frequenti”, hanno dichiarato. “Tuttavia, le misure di mitigazione della CO2 sono tanto dannose quanto costose. Ad esempio, le turbine eoliche uccidono uccelli e pipistrelli e le piantagioni di olio di palma distruggono la biodiversità delle foreste pluviali. ”

I firmatari della dichiarazione insistono anche sul fatto che le politiche pubbliche devono rispettare le realtà scientifiche ed economiche e non solo riflettere la moda del momento.

“Non c’è emergenza climatica. Pertanto, non vi è alcun motivo di panico e allarme “, osservano. “Siamo fortemente contrari alla dannosa e non realistica politica dell’azzeramento delle emissioni di Co2  per il 2050.”

“Se emergeranno approcci migliori, e certamente lo faranno, avremo tutto il tempo per riflettere e adattarci. L’obiettivo della politica internazionale dovrebbe essere quello di fornire energia affidabile e conveniente in ogni momento e in tutto il mondo “, affermano.

In particolare, gli scienziati criticano i modelli climatici in circolazione su cui la politica internazionale si concentra perche` “inadatti al loro scopo”.

“Pertanto, è crudele oltre che imprudente sostenere lo sperpero di migliaia di miliardi sulla base dei risultati di tali imprecisi modelli”, propongono. “Le attuali politiche climatiche inutilmente, minano gravemente il sistema economico, mettendo a rischio la vita nei paesi a cui è negato l’accesso a energia elettrica continua e accessibile”.

“Vi esortiamo a seguire una politica climatica basata su una scienza solida, un’economia realistica e una sincera preoccupazione per coloro che sono danneggiati da costosi ma inutili tentativi di mitigazione”, dichiarano.

Fonte

La corte suprema della British Columbia respinge la causa per diffamazione di Michael Mann, l’ideatore del grafico a mazza da hockey, la bufala dei cambiamenti climatici collassa

Negli ultimi due decenni, gran parte dell’isteria sul riscaldamento globale – in seguito ribattezzata “cambiamento climatico” – si è basata sul cosiddetto grafico a “mazza da hockey” prodotto da Michael Mann. Il grafico, mostrato di seguito, è stato utilizzato dall’IPCC, dai media e dai governi per spingere l’isteria sul riscaldamento globale al punto di trasformarla in una malattia mentale di massa, dove i candidati presidenziali democratici sostengono che all’umanità restano solo 12 anni prima che un’apocalisse climatica possa in qualche modo distruggere il pianeta .

Ma il grafico della mazza da hockey è una frode. E` stato un algoritmo software creato dall’uomo a generarlo e l’algoritmo è truccato per produrre come risultato la tanto conosciuta forma a “mazza da hockey”, indipendentemente dai dati immessi. Come ogni altra cosa trovata nel mondo truccato della “scienza del clima”, il grafico della mazza da hockey e` una totale menzogna fin dal giorno in cui e` stato creato.

A Michael Mann non piaceva essere considerato un cialtrone dai suoi critici, quindi li ha citati in giudizio per diffamazione. E alla fine della scorsa settimana, una di quelle cause è stata conclusa dalla Corte Suprema della British Columbia, in Canada, che ha respinto la causa di Mann contro il Dr. Tim Ball. Ma c’è di più. Secondo Principia-Scientific:

Il tribunale non solo ha accolto la domanda di Ball per l’annullamento della causa pluriennale da nove milioni di dollari, ma ha anche compiuto il passo aggiuntivo garantendo a Ball di non pagare i costi legali.

Si prevede che questo straordinario risultato provocherà gravi ripercussioni legali per il dottor Mann negli Stati Uniti e potrebbe rivelarsi fatale per le affermazioni scientifiche sul clima secondo cui le temperature moderne sono “senza precedenti”.

Michael Mann si e` rifiutato di consegnare i dati dietro il grafico, insistendo sul segreto invece che sulla trasparenza

Secondo quanto riferito, questa decisione del tribunale deriva dal fatto che Michael Mann ha rifiutato di consegnare i “numeri di regressione R2” al tribunale, che avrebbero rivelato le manipolazioni dei dati che hanno portato alla manipolazione del grafico della mazza da hockey. Questa riluttanza a rivelare l’algoritmo grafico e i dati rivela la totale mancanza di trasparenza e integrità scientifica che ha afflitto il presunto lavoro “scientifico” di Mann per decenni. Come spiega American Thinker:

La vera scienza, non la versione fasulla del “consenso”, richiede un accesso aperto ai dati, in modo che gli scettici (che svolgono un ruolo chiave nella scienza) possano vedere se i risultati sono riproducibili.

La comunita` della scienza del clima e` in crisi

Technocracy.news spiega le ramificazioni di questa decisione del tribunale:

Una sconfitta amara e imbarazzante per il “vincitore del premio Nobel” che si è comportato come se fosse l’epitome della virtù, questo risultato non getta vergogna solo su Michael Mann, ma mette in crisi la comunità delle scienze climatiche. Molte centinaia di articoli sottoposti a revisione paritaria citano il lavoro di Mann, che ora è riconosciuto come falso. Nonostante abbia sostenitori disposti e in grado di alimentare il suo ego scagliandosi contro gli scettici, la credibilità di Mann come campione dell’ambientalismo è andata in pezzi.

Principia-Scientific.org afferma anche che e` ora probabile un'”indagine criminale” nei confronti di Mann per le accuse secondo cui Mann ha commesso una frode scientifica nel falsificare il suo grafico della mazza da hockey:

Lo scienziato del clima della Penn State, Michael “mazza da hockey” Mann ha un totale disprezzo della corte nel “processo delle scienze del clima del secolo”. Il prominente allarmista sfida in modo scioccante il giudice e si rifiuta di cedere i dati per una esaminazione generale. Unico risultato possibile: l’umiliazione di Mann, la sconfitta e la probabile indagine criminale negli Stati Uniti

L’imputato nel processo per diffamazione, il climatologo canadese di 79 anni, il dott. Tim Ball dovrebbe incaricare i suoi avvocati della Columbia Britannica di attivare sanzioni penali obbligatorie, tra cui una sentenza secondo cui Mann ha agito con intento criminale quando ha utilizzato fondi pubblici per commettere frodi sui dati climatici. L’imminente sconfitta di Mann è destinata a inviare ondate di shock in tutto il mondo all’interno della comunità delle scienze climatiche poiché il risultato sarà una rivendicazione sia legale che scientifica delle affermazioni del presidente degli Stati Uniti Donald Trump secondo cui il terrorismo climatico e` un “imbroglio”.

Come si può vedere dai grafici sottostanti; La versione “scientifica” di Mann fa scomparire il Periodo caldo medievale (MWP) e mostra un “segno di spunta” pronunciato verso l’alto alla fine del 20 ° secolo (la lama del suo “bastone da hockey”). Ma al di sotto di ciò, il grafico di Ball, che utilizza dati pubblici più affidabili e ampiamente disponibili, mostra un periodo medioevale molto più caldo, con temperature più calde rispetto ad oggi.

L’autore del più grande “assalto criminale alla scienza” è ora diventato chiaro: il dottor Mann.

Fonte

L’ennesimo (fallimentare) summit delle nazioni unite sul clima

L’ultimo vertice sul clima delle Nazioni Unite a Katowice, in Polonia, si è concluso come al solito in un fallimento. I 60.000 delegati si sono dati coraggio, sostenendo che è stato raggiunto un accordo all’ultimo minuto dopo difficili negoziati e che sono stati compiuti importanti progressi.

Se credi al The Guardian:

“Si tratta di un buon accordo”, ha detto al The Guardian il commissario europeo Miguel Cañete. “Abbiamo altro da fare ma possiamo andare avanti ora.”

Nicholas Stern, autore della fondamentale analisi dell’economia dei cambiamenti climatici, ha dichiarato: “Questo è stato un altro vertice di difficili negoziati, ma alla fine è riuscito nel suo fondamentale compito di concordare sul cosiddetto libro delle regole dell’accordo di Parigi”.

Tuttavia un resoconto più onesto può essere trovato in questo rapporto aggiornato ogni anno dalla Global Warming Policy Foundation.

Ogni Summit sul clima delle Nazioni Unite, segue esattamente la stessa formula.

Le speranze:

“Tre anni dopo l’adozione dell’accordo di Parigi, l’UE spera che tutte le parti a Katowice mostrino l’impegno e la determinazione necessari per garantire un programma di lavoro ambizioso e completo”.

L’ultima opportunità:

“Katowice offre l’ultima possibilità di limitare il riscaldamento a 1,5 ° C; i paesi devono rivedere i piani nazionali alla prossima conferenza sul clima “.

Il tempo sta finendo:

“Stiamo esaurendo le possibilità di salvare il pianeta dai cambiamenti climatici.”

Il circo:

‘Arnold Schwarzenegger, che ha fatto una lunga campagna contro i cambiamenti climatici, dovrebbe attirare folle, mentre ci sono rapporti che altre celebrità di Hollywood faranno la loro apparizione.’

L’intoppo:

“Il primo giorno delle riunioni ministeriali non riesce a risolvere lo stallo.” (Indian Express)

La soluzione a 5 minuti dalla mezzanotte:

“I negoziatori sul clima raggiungono un accordo straordinario per mantenere vivo il patto di Parigi”.

La fredda luce del giorno:

‘L’accordo ONU sul clima e` inadeguato ‘e manca di urgenza, avvertono gli esperti.’ (Guardian)

Nessuno dei fatti sul clima è cambiato dal summit fallito dell’anno scorso a Bonn, in Germania. Rimane incerto il fatto che le emissioni di anidride carbonica prodotte dall’uomo contribuiscano significativamente al “cambiamento climatico”.

Quindi, per compensare il continuo fallimento dei loro modelli apocalittici nel predire il “cambiamento climatico”, gli attivisti dell’ONU, gli economisti e le celebrità hanno semplicemente aumentato la retorica.

Il maltusiano Sir David Attenborough, ha aperto lo show avvertendo che il mondo stava per finire:

“Se non agiamo, il collasso delle nostre civiltà e l’estinzione di gran parte del mondo naturale è all’orizzonte”.

Per non essere da meno, Al Gore ha interpretato il ruolo del profeta Geremia, avvertendo dell'”inferno sulla terra” e di una nuova “era oscura” se i leader del pianeta non avessero intrapreso azioni necessarie compreso il controllo della popolazione.

Gore ha messo in scena la solita litania delle affermazioni sulla catastrofe climatica, oltre a introdurne una nuova, appositamente pensata per il suo pubblico polacco.

Come il New American riporta:

Ad esempio, ha accusato il riscaldamento globale per la guerra civile in Siria. Ha incolpato “l’inquinamento atmosferico” per aver reso i bambini polacchi più stupidi, cercando disonestamente di collegare la CO2, nota anche come gas della vita, all’inquinamento reale. Ha anche affermato che il riscaldamento globale avrebbe peggiorato le allergie. “Il 98% delle città europee potrebbe sperimentare peggiori siccità entro il 2050”, ha affermato Gore. “La metà di tutti gli animali di tutto il mondo se ne sono andati dagli anni ’70!” Mostrando immagini spaventose degli scioglimenti dei ghiacci in Groenlandia in primavera, come se ci fosse qualcosa di strano in ciò ha esclamato “Tutto questo vi va bene?”. Ha anche mostrato una clip di una bomba nucleare che esplode per dare enfasi.

Il mondo pero` ormai sta andando oltre alla favola del terrore sul clima. Come riferito la scorsa settimana, un nuovo blocco per il realismo climatico – guidato dagli Stati Uniti del presidente Trump con il supporto da parte di Jair Bolsonaro in Brasile, Russia, Arabia Saudita e Kuwait – si rifiuta persino di rendere omaggio alle allusioni dell’ONU. Ciò ha provocato imbarazzo tanto che il vertice delle Nazioni Unite non è stato in grado di adottare la propria relazione allarmistica prodotta dal Gruppo intergovernativo di esperti sui cambiamenti climatici (IPCC).

Nel frattempo, il più grande inquinatore del mondo, la Cina, sta costruendo 200 nuovi aeroporti entro il 2035, confermando il suo sincero impegno per la narrativa dei cambiamenti climatici delle Nazioni Unite …

Fonte

Scienza Proibita: La Bufala del Riscaldamento Globale (Le bugie sulla Green Economy)

Anche se non è la ragione principale della bufala del RG / CC, il fatto che alcuni dei più ricchi magnati del mondo stiano già approfittando e guadagnando ancora di più dalla “green economy” aggiunge enorme potenza e slancio alla beffa. Miliardari come Richard Branson, Warren Buffett, Jeff Bezos, Jack Ma, Bill Gates, Elon Musk, Tim Cook e Mark Zuckerberg sono solo alcuni dei grandi nomi pronti a “salvare il pianeta”.

Un’iniziativa di investimento, Breakthrough Energy Ventures, è guidata da Bill Gates di Microsoft. I finanziatori del fondo hanno un valore complessivo di circa $ 150 miliardi. Questo club di miliardari ha unito le forze per formare una coalizione a sostegno dell'”energia pulita” che si e` ingrandito dopo i colloqui sul clima di Parigi del 2015. I grandi investitori di denaro sono attratti dall’energia verde perché la sempre crescente forza governativa che sta dietro allo slogan di “salvare il pianeta” sta già creando un enorme mercato artificiale, garantendo allo stesso tempo profitti con sussidi diretti e indiretti dei contribuenti.

Comprendendo la direzione della politica, i membri del calub di milionari hanno fatto le loro scommesse puntando su vento, energia solare, bio-carburanti ecc. E non amano perderci! Faranno tutto il necessario per aiutare il continuo sviluppo di progetti che possono essere remunerativi in questi ambiti, incluso finanziare “scienza falsa” denunciando pubblicamente i veri scienziati come “negazionisti”. Ed è per questo che assistiamo al paradosso apparentemente contraddittorio di tanti grandi “capitalisti” i quali “vanno a letto” con i grandi globalisti-marxisti su questa finta “crisi” del Rg / CC.

A un livello inferiore a quello del club di miliardari abbiamo il club dei multi milionari- ambiziosi scalatori che sperano un giorno di unirsi ai ranghi della lista Forbes del Big B Club. Prendendo spunto dalla folla degli “smart money”, molti MM sono diventati “verdi”. Capisci che questi drogati di denaro e potere non si preoccupano di “salvare il pianeta”. La maggior parte di loro sono abbastanza intelligenti e ben collegati da capire che la “scienza” dietro il RG / CC è falsa

LA TRUFFA DELL’EOLICO

Sia in termini di energia a basso costo che di quantita` di “lavori verdi”, l’energia eolica ha fallito, in modo spettacolare, nell’offrire ciò che hanno promesso i verdi e i grandi investitori. L’inefficiente industria eolica è molto costosa, trasferendo i suoi costi ai consumatori e ai contribuenti creando allo stesso tempo relativamente pochi posti di lavoro.

Ironia della sorte, i parchi eolici devono ancora contare sulla combustione di combustibili fossili quando il vento non soffia e le turbine non riescono a girare. In tutta Europa, le stazioni nazionali di carbone sono state chiuse per raggiungere gli obiettivi di riduzione delle emissioni di carbonio. Quindi, quando i parchi eolici vengono a mancare, le nazioni devono importare carbone e petrolio.

A parte il fatto che le emissioni di CO2 sono innocue e che il RG / CC è una truffa, i parchi eolici non hanno ridotto né le emissioni né il costo dell’elettricità. Nei giorni senza vento, i clienti di grandi dimensioni possono essere temporaneamente messi offline. Mentre i poveri e gli anziani sono stati colpiti più duramente dalle bollette dell’elettricità, gli unici beneficiari della truffa del vento sono i ricchi investitori che ricevono il benestare del governo.

Non solo i mostri meccanici sono costosi, inefficaci, brutti e letali, molti sono rimasti inattivi e sono costosi da riparare

Bob Adelman scrive nel New American:

Headline: 14,000 Idle Wind Turbines a Testament to Failed Energy

“Quando Element Power ha annunciato il 10 aprile la chiusura di un accordo per la costruzione di turbine eoliche per Blackrock in Irlanda, nulla è stato detto riguardo alle oltre 14.000 turbine eoliche che giacciono inutilizzate in tutto il mondo . Invece, Jim Barry, amministratore delegato di BlackRock, il più grande gestore patrimoniale del mondo, ha espresso grande piacere per la sua nuova avventura con Element.
….
Quelle 14.000 turbine eoliche che si trovano inutilizzate nelle zone di Altamont Pass, Tehachapin e San Gorgonio in California e in altre parti del mondo testimoniano il continuo e accelerato fallimento della speranza sull’esperienza, finanziata con denaro dei contribuenti. E queste aree sono state selezionate come “le migliori zone ventose sulla terra”, che ora, secondo lo scrittore di Natural News Jonathan Benson, sono solo “spazzatura post-industriale che non genera altro che la morte di uccelli”.

Una volta che i fondi dei contribuenti verranno ritirati, l’economia reale del mantenimento di queste costose mostruosità sara` così prepotentemente negativa da lasciarli marcire – scheletri che provano la frode e l’inganno dell’intero meme del riscaldamento globale. ”

I warmists possono cercare di “controllare” dqueste “verità scomode”, ma la realtà rimane: i parchi eolici non generano elettricità su una base commercialmente valida. L’industria dsopravvive solo grazie a generosi sussidi governativi, rubati ai contribuenti e ridistribuiti a ricchi investitori, produttori e proprietari di terreni in cerca di affitto. È una bufala economica, costruita su una bufala scientifica. In effetti, è così grave che persino i media del riscaldamento mainstream e le pubblicazioni dell’industria eolica hanno dovuto concedere alcune “verità scomode”.

Newsweek: (11 aprile 2015): qual è il vero costo dell’energia eolica?

“In quanto consumatori, paghiamo l’elettricità due volte: una volta attraverso la nostra bolletta mensile dell’elettricità e una seconda volta attraverso le tasse che finanziano enormi sussidi per l’energia eolica e altri produttori di energia inefficienti.
La maggior parte delle stime dei costi per l’energia eolica non tiene conto del pesante onere di tali sussidi sui contribuenti statunitensi. Ma se gli americani realizzassero l’intero costo della generazione di energia dall’energia eolica, sarebbero meno disposti a pagare il conto – perché è più di quanto la maggior parte della gente pensi.

Negli ultimi 35 anni, l’energia eolica – che ha fornito solo il 4,4% dell’elettricità negli Stati Uniti nel 2014 – ha ricevuto US $ 30 miliardi in sussidi e sovvenzioni federali. Questi sussidi proteggono le persone dalla scomoda verità di quanto costa effettivamente l’energia eolica e trasferisce denaro dai contribuenti medi ai ricchi proprietari di parchi eolici, molti dei quali sono unità di compagnie straniere.
La società di consulenza finanziaria Lazard mette il costo di generare un megawattora di elettricità dal vento a una gamma di $ 37 a $ 81. In realtà, il vero prezzo è significativamente più alto.
Ciò rappresenta uno spreco di risorse che potrebbero essere meglio spesi dai contribuenti stessi. Persino i presunti vantaggi ambientali di affidarsi maggiormente all’energia eolica sono discutibili a causa della sua inaffidabilità – non c’e` sempre vento – il che significa che una fonte di energia di riserva stabile deve essere sempre online per subentrare durante i periodi di quiete “.

Mensile energia eolica: (14 maggio 2015) guasti annuali delle pale stimati: circa 3.800

“Bellamy, co-fondatrice della società di consulenza sulle fonti rinnovabili Aarufield Ltd, ha sottolineato che i guasti alle pale sono la causa principale delle richieste di risarcimento assicurativo nel mercato statunitense. Rappresentano oltre il 40% dei sinistri, davanti ai riduttori (35%) e ai generatori (10%). L’industria eolica si trova inoltre di fronte a una lotta per assicurare i materiali in fibra di carbonio di cui ha bisogno per progetti di pale più leggere e più potenti, ha avvertito la Bellamy.

“C’è una crescente competizione per questi materiali dalle industrie automobilistiche e aerospaziali”, ha affermato. “E sono disposti, e in grado, a pagare il necessario ….

Recenti esempi di guasti alle pale includono una pala di una turbina 3MW di Vestas V90 che si è spezzata in un parco eolico nel nord della Danimarca l’anno scorso. A quel tempo, Vestas disse che i venti non erano particolarmente forti.

In un altro caso l’anno scorso, GE è stata costretta a sostituire 33 pale sulle sue turbine in un parco eolico del Michigan dopo che una pala si è rotta.

Probabilmente il problema più grande è stato affrontato da Siemens nel 2013, quando è stata costretta ad eliminare 700 pale eoliche in tutto il mondo. Ciò è stato causato da un cedimento nella pala B53. ”

C’e` bisogno di una sola pala per ferire o uccidere qualcuno, cosa che  aumenta ulteriormente i costi dell’assicurazione di responsabilità civile. Aggiungi un altro chiodo alla bara dell’energia eolica – tutto sulla base di una bufala!

LA TRUFFA DEL SOLARE

Analogamente alle loro stravaganti affermazioni sull’energia eolica, la mafia dell’energia verde usa spesso un termine manipolativo per impressionare i sempliciotti. Quel termine è “capacità di generazione elettrica”.

Il termine vuoto è progettato per far credere che il vento o l’energia solare abbiano una capacità illimitata di fornire elettricità in modo efficiente, economico e affidabile. Ma quando si parla di energia, la “capacità” non è altro che un termine tecnico che indica la massima capacità momentanea di produrre elettricità. Non è legato alla consistente, capacità di produrre elettricità, che è l’unica cosa che conta per la nostra economia moderna.

Le forme convenzionali di energia sono affidabili – cioe` sempre disponibili. Carbone, petrolio, gas, energia idroelettrica e energia nucleare sono fisse e note perché le loro fonti di combustibile sono immagazzinabili e controllabili. Ma per l’energia solare ed eolica, le cui fonti di combustibile sono intermittenti, imprevedibili e spesso non disponibili, un termine come “capacità di generazione elettrica” ​​non ha senso, e gli ecologisti lo sanno!

Un campo di pannelli solari può operare vicino alla capacità in una soleggiata giornata estiva, ma quando arrivano le nuvole e le stagioni più fresche, quell’abilità può scomparire. E di notte, i brutti pannelli ovviamente hanno zero capacità di generare elettrica. Ai fini di fornire alla società energia elettrica a basso costo e su richiesta, questo è inutile. Ignora le sviolinate degli esperti e dei media sul solare. La falsa industria dell’energia solare non può sopravvivere senza massicci sussidi governativi – un fatto che persino i warmisti concederanno, sebbene a malincuore, mentre sostengono ancora più sussidi

I quartieri del New Jersey sono disseminati di questi strumenti orrendi orribili, costosi e inefficienti— tutto sulla base di una bufala!

In Germania, dove il solare è di gran moda, i tedeschi devono ancora acquistare abbastanza capacità reale da fonti affidabili per dare a tutti l’elettricità di cui hanno bisogno. Pertanto, il solare e il vento sono inutili e persino problematici poiché aggiungono elettricità imprevedibile e destabilizzante alla rete elettrica. Questo spreco spiega perché i tedeschi pagano 3-4 volte il costo dell’elettricità rispetto agli americani.

Scrivendo a Forbes, l’avvocato e promotore dell’energia del libero mercato Alex Epstein ci avverte:

The Myth of Wind e Solar ‘Capacity’ (29 marzo 2016)

“Ogni volta che senti affermazioni sulla capacità del vento e dell’energia solare, ricorda che dal momento che la loro capacità affidabile è zero, più” capacità “significa una grandezza maggiore e prezzi più alti – a meno che qualcuno non possa creare impianti solari o eolici indipendenti con una unita` che immagazzina l’energia . La mancanza di una singola fabbrica di questo tipo nel mondo dimostra quanto sarebbe inefficace e complicato un tale accordo. “Nonostante massicci sussidi governativi, l’energia solare rimane più costosa dell’elettricità generata alla vecchia maniera. Le sovvenzioni, rubate ai contribuenti, includono un credito fiscale solare del 30% per gli investimenti solari, che è stato prorogato fino al 2019 dal Congresso. Come il vento, questa “industria” finta può sopravvivere solo attraverso la coercizione del governo, e beneficia solo gli investitori ben collegati e gli uomini d’affari solari.

Uno degli esempi più scioccanti della Fake Economics dell’energia solare è quello del Solyndra Scandal del 2009. Solyndra è stata una società di pannelli solari della California che ha ricevuto 535 milioni di dollari in prestiti come “stimolo” governativo a basso interesse nel 2009. Solo due anni dopo, Solyndra è crollata – danneggiando i contribuenti!

Questa società non redditizia e disonesta non si sarebbe mai qualificata per un finanziamento così generoso da una banca o un venture capitalist, ma poiche` il clown della Casa Bianca, che aveva promesso di “abbassare i livelli del mare”, era talmente determinato a buttare via soldi nell'”Energia verde”, le povere basi di Solyndra furono doverosamente ignorate dai funzionari federali che erano sotto pressione per buttare via i soldi.

LA FRODE DEL “BIO-FUEL”

Si supponeva che la feccia di stagno e altri “biocarburanti” fossero anch’essi fonti di combustibile “rivoluzionarie” che avrebbero ridotto la nostra “dipendenza dal petrolio straniero” e sostituito i “combustibili fossili del pianeta”. In un mercato veramente libero, questa idea fallita sarebbe giustamente morta di morte naturale molti anni fa. Ma ancora una volta, a causa del sostegno del governo (contribuente), la “rivoluzione” dei biocarburanti persiste anno dopo anno.

I biocarburanti derivano da fonti quali alghe, olio vegetale, mais (etanolo), materiale raccolto e letame – solo per citarne alcuni. Proprio come il vento e il sole, la truffa di biocarburanti è inefficiente, costosa e dipendente dal commercio forzato e dai sussidi. Robert Bryce, un anziano del Manhattan Institute, ci spiega con numeri reali la faccenda.

The National Review (25 gennaio 2016): The Biofuel Scam is worst than Solyndra

L’ultimo esempio di follia dei biocarburanti è arrivato mercoledì scorso, quando la Marina degli Stati Uniti ha annunciato lo spiegamento di ciò che definisce la “Grande Flotta Verde”. A San Diego per l’evento erano presenti il ​​Segretario della Marina Ray Mabus e il Segretario all’agricoltura Tom Vilsack, un ex governatore dell’Iowa. I due ufficiali sono volati in mare in un elicottero in modo da poter vedere il cacciatorpediniere far rifornimento con una miscela di carburante diesel e biocarburante. L’evento di San Diego è solo l’ultimo esempio di come chi guadagna con i biocarburanti abbia usato i militari per mettere le mani sui soldi dei contribuenti. Il giorno della Terra del 2010, la Marina ha fatto volare un F / A-18 usando una miscela di carburante per aviogetti convenzionale e biocarburante derivato da camelina, una pianta della famiglia della senape … Il costo di quel carburante: circa $ 67 al gallone.

Nel 2012, la Marina ha pagato $ 424 a gallone per i biocarburanti derivati ​​dalle alghe. Quello stesso anno, in un altro esempio molto pubblicizzato della Grande Flotta Verde, ha speso circa $ 27 al gallone per 450.000 galloni di biocarburante. Una delle aziende che ha ottenuto un lucrativo contratto di biocarburanti dall’esercito è stata la Solazyme Inc., con sede a San Francisco. Secondo il Congressional Research Service, nel 2009, Solazyme ha ottenuto un contratto da 223.000 dollari per 1.500 litri di carburante a base di alghe. Questo funziona a $ 149 per gallone. … Solazyme è stata anche una grande donatorice per cause democratiche, dando circa $ 300.000 a candidati e comitati democratici. La società ha anche donato tra $ 100.000 e $ 250.000 alla Fondazione Bill, Hillary e Chelsea Clinton. Il fiasco di Solyndra riguardava un prestito di 535 milioni di dollari che avrebbe dovuto aiutare la società a produrre pannelli solari. Invece, nel 2011, l’azienda è fallita. Ma il prestito Solyndra rappresenta solo circa la metà dell’oltre $ 1 miliardo che il Dipartimento dell’Energia ha fornito a varie società per la ricerca e lo sviluppo di biocarburanti cellulosici.

Quel denaro è stato speso nonostante le ricerche dimostrino che la produzione di biocarburanti cellulosici probabilmente produce emissioni di anidride carbonica superiori a quelle della benzina convenzionale. Il denaro del DOE è solo una parte della follia. Sempre mercoledì scorso, Reuters ha osservato che la Marina ha “concesso $ 210 milioni per aiutare tre imprese a costruire raffinerie per produrre biocarburanti usando biomassa legnosa, rifiuti urbani e grasso da cucina usato”.

Nonostante decenni di promozione, oltre a anni di mandati e sussidi, i biocarburanti non hanno mai intaccato in modo significativo il nostro bisogno di petrolio. E visti i ripetuti fallimenti di varie società di biocarburanti, è improbabile che lo facciano.

Oggi, le distillerie di etanolo consumano circa il 40% di tutta la produzione di mais domestico per produrre un equivalente di carburante di circa 600.000 barili di petrolio al giorno. E ci sono voluti circa quattro decenni di mandati e sussidi per l’industria del mais-etanolo per crescere fino a quella dimensione. Confrontiamo questo risultato con quello che è successo nella zona petrolifera. Dal 2006, grazie alla rivoluzione dello shale, la produzione nazionale di petrolio è aumentata di oltre 3,6 milioni di barili al giorno. Così, nell’ultimo decennio, il settore petrolifero ha aumentato la produzione di sei volte la produzione totale di ogni distilleria di etanolo in America.
L’aumento della produzione di petrolio è avvenuto perché le aziende private rischiavano miliardi di dollari, e così facendo hanno innovato tutto, dai trapani alle pompe di fango. Il risultato: drammatiche riduzioni dei prezzi del petrolio e del gas naturale, che stanno ora risparmiando miliardi di dollari ai consumatori americani all’anno. Nonostante questi fatti, la lobby dei biocarburanti continua a farsi strada a Washington e, sfortunatamente, al Pentagono. Questa è l’assoluta follia della politica energetica americana.

1. Le sconcertanti rivelazioni di Robert Bryce basate sui fatti riguardo i ridicoli costi dell’ “energia verde” sono occasionalmente presentate in nuovi spettacoli via cavo, ma MAI nelle pagine del The New York Slimes o in nessuno dei principali programmi di notizie di rete. 2. La “Grande Flotta Verde” si alimenta con biocarburanti che costano fino a $ 430 al gallone. 3. I campi fertili dello Iowa sono per la crescita del CIBO – non per produrre inutili bio carburanti

IL COSTO UMANO DEL SALVARE IL PIANETA

La bufala del RG / CC sarebbe molto divertente, se non fosse per le difficoltà che sta causando e le vite che sta distruggendo. Per tutti noi che viviamo nel demente mondo occidentale dove la nuova religione di “salvare il pianeta” dal RG / CC ha portato alla classificazione normativa della innocua CO2 come “inquinante”, le tariffe elettriche sono aumentate continuamente  Vedi se riesci a ricavare un estratto conto bancario o bolletta elettrica di 10 o 15 anni fa e nota la grande differenza che stai pagando mese su mese. Per le famiglie a basso reddito, questa diminuzione del reddito disponibile rende la vita ancora più difficile.

I minatori di carbone in Europa e in America hanno sofferto di più – con 83.000 minatori di carbone americani che hanno perso il posto di lavoro come risultato diretto delle sanzioni dell’EPA.  In stati come Kentucky, West Virginia, Ohio, Illinois e Pennsylvania, gli uomini che lavorano sodo con le famiglie per nutrirsi si sono incamerati in una povertà estrema, tutto sulla base di una dannata bufala!

Il costo di “salvare il pianeta” aumenta anche il costo delle nuove auto (a causa di requisiti di emissione più severi e non necessari) e costringe i poveri a cambiare le loro auto usate perché le “riparazioni” e le modifiche spesso sono molto costose . Quanto ironico è il fatto che questi “liberali” warmisti, ii quali professano di amare così tanto i poveri, sostengano una colossale frode che trasferisce la ricchezza dai poveri e dal mezzo agli investitori verdi miliardari.

UCCIDERE Il SOGNO AFRICANO

L’Africa, anche se generalmente povera, è molto ricca di risorse e non manca di uomini disoccupati che muoiono di lavoro (ecco perché così tanti si stanno riversando in Europa!) Con un po ‘ di esperienza esterna da Occidente e Cina, il continente ha enormi potenziale di sviluppo agricolo, industriale ed economico.
Ma ancora una volta, sono proprio le stesse forze politiche “liberali” che professano di amare i poveri e i neri così tanto da impedire alle nazioni africane di sollevare milioni di loro dalla povertà estrema. I politici africani corrotti, trattenuti nel libro paga occidentale noti come “aiuti stranieri”, contribuiscono a facilitare questa oppressione. Alcune cliniche in Africa sono alimentate da pannelli solari che non forniscono abbastanza elettricità sia per il frigorifero medico che per le luci allo stesso tempo. L’autore keniota e l’economista di libero mercato James Shikwati ci spiegano

“C’è qualcuno che vuole uccidere il sogno africano e il sogno africano è quello di svilupparsi Il potere rinnovabile è una sperimentazione lussuosa … Non vedo come un pannello solare possa alimentare un’industria siderurgica, piuttosto una radio a transistor. “Non toccare le tue risorse, non toccare il tuo olio, non toccare il tuo carbone”. Questo è un suicidio. ”

Shikwati descrive l’idea di limitare le persone più povere del mondo a fonti energetiche alternative come “l’aspetto più moralmente ripugnante della campagna del riscaldamento globale”.

1. Poche persone capiscono come le regolamentazioni legate allo scherzo del riscaldamento stiano sollevando la bolletta dell’elettricità 2. Il minatore di carbone disoccupato Eddie Jones cerca lavoro a computer nel Kentucky Career Center 3. L’economista keniano James Shikwati non vuole “aiuti esteri ” per l’Africa. Vuole lo sviluppo – ma i warmisti occidentali dicono “No!”