Archivi Blog

Una corte francese risarcisce i danni a uno dei terroristi dell’attentato di Parigi

E` stato violato il suo diritto alla privacy. L’unico terrorista sopravvissuto al massacro di Parigi ha ricevuto € 500 euro dopo che il sistema giudiziario francese ha stabilito che i suoi diritti alla privacy erano stati violati.

Sì veramente.

Salah Abdeslam ha fornito supporto logistico ai terroristi del massacro di Parigi, aiutandoli a fabbricare esplosivi e guidandoli verso i loro obiettivi. L’attacco ha causato la morte di 130 persone e 368 feriti.

Il belga è stato posto sotto sorveglianza 24/7 dopo essere arrivato nel carcere di massima sicurezza di Fleury-Mérogis nell’aprile 2016. Tuttavia, l’avvocato di Abdeslam, Frank Berton, ha contestato che ciò violasse il diritto alla privacy del suo cliente e ottenendo dalla Corte amministrativa di Versailles, un risarcimento di € 500 euro.

“Siamo gestiti da un sistema totalmente pazzo, che giustificato dallo stato di diritto, perpetra le peggiori ignomine contro la legge e contro lo stato”, ha dichiarato Jean Messiha, del partito National Rally.

Nel frattempo, una situazione analoga si è verificata nel Regno Unito, dove la vedova del capobanda del London Bridge ha ricevuto assistenza legale mentre le vittime del suo marito jihadista no.

Uno degli eroi di quell’attacco, l’uomo che ha letteralmente combattuto due dei terroristi, è stato successivamente inserito in una lista di potenziali terroristi dal governo e costretto a frequentare lezioni di de radicalizzazione.

Mondo Sottosopra

Fonte