Archivi Blog

L’assurdo video di lancio delle Barbie “gender fluid”

Mattel ha lanciato una linea di bambole senza caratteristiche distintive femminili o maschili perché “i bambini non vogliono che i loro giocattoli siano dettati dalle norme di genere”. Per promuovere le bambole, è stato pubblicato un video con bambini “neutri dal punto di vista del genere”. Inoltre ciò che viene detto durante quel video è completamente sconcertante.

Vi e` una guerra in atto contro i sessi. Dopo la linea di abbigliamento “neutra” per banbini di Céline Dion (di cui abbiamo potuto notare l’orribile simbolismo), Mattel ha lanciato delle bambole che non hanno un genere sessuale distinto.

Le bambole di genere neutro della nuova linea di giocattoli Creatable World consentono ai bambini di accessoriare il giocattolo in modo che diventi un ragazzo, una ragazza, entrambi o nessuno dei due. Le sei bambole hanno colori della pelle, acconciature e abbigliamento diversi per “celebrare l’impatto positivo dell’inclusività”. Ogni bambola personalizzabile è dotata di parrucche, gonne, pantaloni, camicie, giacche, cappelli e varie scarpe. Per raggiungere la “neutralità di genere”, Mattel ha attenuato le caratteristiche femminili e maschili, come il seno di Barbie e le spalle larghe di Ken. Si dice che la linea sia orientata verso i bambini che si identificano come gender fluid, il che significa che non hanno un genere fisso e stabile come maschile e femminile.

Secondo il sito Web di Mattel, la linea è “progettata per eliminare le etichette e invitare tutti, dando ai bambini la libertà di creare i propri personaggi personalizzabili”.

Durante lo sviluppo, Mattel ha testato la bambola su 250 famiglie in sette stati, inclusi 15 bambini che si consideravano transessuali, fluidi in base al genere o hanno evitato di definirsi del tutto.

Poiché è la norma al giorno d’oggi, la promozione che circonda la linea è stata ricoperta da uno spesso strato di indottrinamento sociale e “fatti” che rasentano l’assurdità assoluta. Kim Culmone, vice presidente senior di Mattel Fashion Doll Design ha dichiarato in una nota:

“I giocattoli sono un riflesso della cultura e mentre il mondo continua a celebrare l’impatto positivo dell’inclusività, abbiamo sentito che era tempo di creare una linea di bambole priva di etichette. Attraverso la ricerca, abbiamo sentito che i bambini non vogliono che i loro giocattoli siano dettati dalle norme di genere “.

Mi dispiace ma è una bugia. I bambini non si lamentano del fatto che i loro giocattoli “siano dettati dalle norme di genere”. E il video che promuove la linea di giocattoli contiene molte altre bugie assurde.

IL VIDEO PROMOZIONALE

Il video inizia con questa affermazione strabiliante:

“I bambini in questo momento, in particolare i bambini della Gen-Alpha … che sono bambini di età inferiore ai dieci anni … vedono il genere in modo molto diverso, sperimentano il genere in modo molto diverso. Sfideremo il punto di vista delle persone su come i bambini dovrebbero giocare “.

Pur sostenendo di “consentire ai bambini di giocare liberamente”, in realtà vogliono ridefinire il modo in cui i bambini dovrebbero giocare. Jess Weiner, che a quanto pare è una “esperta culturale”, aggiunge:

“I genitori spesso dicono che vogliono crescere i loro figli per farli diventare padri davvero meravigliosi. Come possiamo aspettarci di crescere padri meravigliosi se non gli incoraggiamo a sperimentare diversi tipi di giochi quando sono ragazzi? “

Sta per caso dicendo che i maschi cresciuti senza giocare con le bambole non saranno dei buoni padri che si prendono cura delle propria prole?

Successivamente, il capo della ricerca di Mattel riassume la situazione in una questione piuttosto orwelliana:

“Questo e` il futuro. La societa` sta andando in questa direzione. I genitori vogliono esserne partecipi, semplicemente non hanno gli strumenti o le conoscenze per guidare i propri figli ”.

Vogliono che i genitori “guidino il loro bambino” verso la follia della confusione di genere.

Ovviamente, il video mostrava bambini “gender fluid” che erano probabilmente vestiti da adulti che volevano promuovere il loro programma

Il video mostra un ragazzo chiaramente vestito ed acconciato da un professionista per apparire il più fluido possibile. Ogni dettaglio è stato calcolato, incluso il trucco degli occhi.

C’è anche un bambino che indossa un vestito.

Come sempre accade quando i mass media tentano di spingere questa assurda agenda, il messaggio non è stato ben accolto. Circa il 100% dei commenti su YouTube critica il video.

Il contraccolpo contro questo tipo di propaganda è quasi sempre unanime perché non riflette le realtà e le preoccupazioni delle famiglie normali. Questi problemi semplicemente non sorgono. Tutti questi interrogativi di genere sono una fabbricazione artificiale di gruppi di esperti d’élite che stanno cercando di rendere la loro agenda di sfocatura di genere un problema.

SFOCATURA DI GENERE

Diversi anni fa, ho identificato la “sfocatura di genere” come il prossimo punto dell’agenda massicciamente spinto dai mass media. Purtroppo le previsioni si sono avverate. Alcuni esempi: la BBC ha lanciato una serie TV su un ragazzo che assume medicine che bloccano gli ormoni per diventare una ragazza; Un video realizzato da Teen Vogue ha suggerito agli adolescenti che l’idea che “il corpo sia maschio o femmina sia totalmente sbagliata“; Una serie Netflix con Bill Nye affermava che “i bambini piccoli possono determinare il loro genere”.

Le bambole Mattel sono un altro tentativo di indottrinare i bambini mentre sono giovani, piantando i semi della confusione di genere nelle loro menti in via di sviluppo

Fonte

Mattel lancia la nuova linea di bambole “gender-neutral”

Il produttore di giocattoli Mattel ha annunciato che sta lanciando una nuova linea di bambole “di genere neutro”, portando alcuni critici ad accusare la compagnia di fare ingegneria sociale sui bambini.

“I bambini possono personalizzare le nuove bambole con capelli lunghi o corti, pantaloni o gonne o entrambi. Le bambole sono disponibili con sei diverse tonalità di pelle “, riferisce Fox Business.

Kim Culmone, vicepresidente senior di Mattel Fashion Doll Design, ha dichiarato che le bambole verranno rilasciate perché “i bambini non vogliono che i loro giocattoli siano legati alle norme di genere”.

“I giocattoli sono un riflesso della cultura e mentre il mondo continua a celebrare l’impatto positivo dell’inclusività, abbiamo pensato che fosse il momento di creare una linea di bambole priva di etichette”, ha detto.

Una pubblicità per il nuovo prodotto presenta un ragazzo con i capelli viola e uno che indossava un orecchino.

Alcuni intervistati hanno accusato la compagnia di aver cercato di ingegnerizzare socialmente i bambini, contribuendo a renderli confusi sul genere.

“Si tratta solo di ingegneria sociale”, ha commentato Robbie Starbuck. “Se @Mattel voleva fare una bambola senza parti private definite, tutto bene, è stato fatto molte volte e offre opzioni per i bambini. Non è quello che sta succedendo qui. Si tratta di ingegneria sociale mascherata da giocattolo. ”

Ci si chiede quanto avrà successo la nuova linea.

“Get Woke, Go Broke” è un ritornello comune, ma la quantità di pubblicità gratuita di cui gode qualsiasi azienda che asseconda le politiche sull’identità è sempre notevole.

Fonte