Archivi Blog

Il significato piu` profondo di Bandersnatch

“Black Mirror: Bandersnatch” è un film interattivo che consente agli spettatori di scegliere il proprio percorso. Alcuni di questi percorsi catapultano l’audience nell’oscuro mondo dell’MK-ULTRA. Ecco uno sguardo al significato più profondo di Bandersnatch.

Descritto come un “evento Netflix”, Black Mirror: Bandersnatch è un film interattivo che consente agli spettatori di “scegliere la propria avventura”. In diverse occasioni durante il film, agli spettatori vengono presentate 2 scelte e hanno 10 secondi per decidere. Dopo la selezione, l’opzione viene riprodotta e la narrazione si adatta di conseguenza. Quindi, le scelte fatte dagli spettatori portano a diverse scene, percorsi e in ultima analisi, a diversi finali. Tuttavia, quando si raggiunge un finale, il film riconduce gli spettatori alle scelte non selezionate, rendendo facile vedere l’intero film e analizzarlo nel suo complesso.

Gli spettatori controllano le decisioni di Stefan Butler, un giovane mago del computer che sta adattando un libro fantasy in cui si sceglie la propria avventura in un videogioco. Il film sembra essere fortemente ispirato da questo documentario della BBC del 1984 che segue la creazione di un “mega-gioco” chiamato Bandersnatch dalla compagnia di software Imagine di Londra. Quel gioco non è mai stato rilasciato.

Black Mirror: Bandersnatch riprende il contesto di questo affascinante periodo della storia della tecnologia britannica e ci aggiunge un sacco di inquietudine. E, considerando il fatto che si tratta di un episodio di Black Mirror, una serie che parla degli effetti potenzialmente perversi della moderna tecnologia sull’umanità, le cose diventano molto importanti, molto rapidamente. In effetti, in diversi finali la mente della maggior parte degli spettatori “reagisce” in questo modo.

Mentre Stefan tenta di creare un gioco innovativo che consente molteplici percorsi narrativi, è anche il protagonista di un film innovativo che consente molteplici percorsi narrativi. Mentre le cose progrediscono, Stefan si rende conto di non avere il controllo della propria mente – in quanto le sue azioni sono gestite dallo spettatore. Questa consapevolezza si innesca nella discesa nella follia mentre Stefan inizia ad essere ossessionato da un simbolo specifico (chiamato “Orso Bianco”) e da un demone chiamato Pax.

In breve, lo spettatore controlla la mente di Stefan. In breve, si tratta di controllo mentale. Abbastanza opportunamente, il film è pieno di simbolismo legato al controllo mentale MK-ULTRA e al trauma. Inoltre, in alcuni percorsi narrativi, Stefan scopre di essere stato drogato, studiato e monitorato sin dalla nascita.

Mentre diverse fonti hanno analizzato Bandersnatch, quasi tutti hanno perso un punto ovvio: si tratta di controllo mentale basato sul trauma. Dal retroscena del protagonista al simbolismo MK disseminato ovunque, Bandersnatch è una “avventura” nella mente di uno schiavo. E inizia con il titolo dell’episodio.

BANDERSNATCH

Il videogioco di Stefan è basato su un libro chiamato Bandersnatch. Il modello di labirinto nella parte inferiore della copertina suggerisce la programmazione MK. Mentre le cose progrediscono, il gioco di Stefan finirà per riflettere la sua stessa lotta.

Il libro Bandersnatch e il suo autore Jerome F. Davies sono totalmente inventati. Tuttavia, le origini del nome Bandersnatch ci portano in profondità nella tradizione del controllo mentale.

Bandersnatch è il nome di una creatura immaginaria nel romanzo di Lewis Carroll del 1872 Alice Attraverso lo Specchio, il sequel di Alice nel paese delle meraviglie.

Illustrazione di Peter Newell del Bandersnatch (a destra) – un leone cornuto. Vedremo che Stefan vede i leoni ovunque nel film.

Come discusso in molti articoli su questo sito, la storia di Alice nel paese delle meraviglie è un vero e proprio script di programmazione usato nel controllo mentale basato sul trauma. Allo stesso modo in cui Alice “passa attraverso lo specchio” nel Paese delle Meraviglie, agli schiavi MK viene detto di dissociarsi, lasciando mentalmente il mondo reale a ritirarsi nel mondo interno creato dal programmatore. Per questo motivo, il simbolismo associato ad Alice nel Paese delle Meraviglie è usato nei mass media per illustrare il controllo della mente. Ovviamente, Bandersnatch non fa eccezione. Il nome stesso è un riferimento diretto ad Alice nel paese delle meraviglie. Inoltre, Stefan finisce per cercare un coniglio bianco passando attraverso uno specchio (ne parleremo più avanti).

PRIMI INDIZI CORRELATI ALL’MKULTRA

Prima di conoscere l’oscura verità su Stefan, vediamo diversi indizi sul suo controllo mentale. Tuttavia, è solo ad una seconda visione che queste scene assumono il loro pieno significato.

Stefan si sveglia e prende un paio di pillole. Scoprirà presto che è stato sotto farmaci per tutta la vita.

Mentre Stefan va in cucina a fare colazione, suo padre blocca sospettosamente la porta del suo studio. Ci sono alcuni segreti oscuri al suo interno

Il padre (e il conduttore) di Stefan spegne intensamente una sigaretta in un portacenere. Questo gesto è visto in diverse occasioni durante il film e, ogni volta, Stefan ne è disturbato. È un segnale di innesco? In seguito, Stefan userà questo posacenere per uccidere suo padre.

Mentre Stefan inizia la creazione del suo videogioco per la società di software Tuckersoft, si interessa anche alla storia oscura dell’autore del libro Bandersnatch.

Stefan legge una biografia dell’autore di Bandersnatch dal titolo “The Lives of Jerome F. Davies”. Il plurale “vive” allude a diverse personalita` MK

Mentre Stefan sfoglia le pagine, vediamo brevemente un capitolo intitolato “Mind control conspirancies”.

Stefan scopre che l’autore era ossessionato da un simbolo (chiamato “Orso Bianco”). Dopo aver ucciso e decapitato la moglie, Davies ha disegnato il simbolo usando il suo sangue. Questo ricorda i raccapriccianti omicidi commessi dai seguaci di Charles Manson (uno schiavo / conduttore MK) che ha disegnato parole e simboli sui muri usando il sangue delle sue vittime.

Ben presto, Stefan si ritrova ossessionato dagli stessi simboli di Davies. E l’Orso Bianco è uno di questi.

SIMBOLO DELL’ORSO BIANCO

Mentre sta lavorando al suo videogioco, Stefan si rende conto che il simbolo dell’Orso Bianco è dappertutto sui suoi appunti.

In Black Mirror, il simbolo dell’Orso Bianco ha diversi livelli di significato. Come illustrato sopra, rappresenta le narrative ramificate nel videogioco che Stefan sta sviluppando. Su una scala più ampia, rappresenta il libero arbitrio – la capacità di prendere decisioni – e, nel caso di Stefan – la mancanza di ciò. Per questo motivo, il simbolo finisce per rappresentare una forza superiore che ha il controllo della mente di Stefan.

Anche la casa di Stefan (e il sito di programmazione MK) reca il glifo (le linee bianche sono state aggiunte per enfatizzare).

Il simbolo dell’Orso Bianco è apparso nei precedenti episodi di Black Mirror e, ogni volta, si riferisce a una “forza” che controlla le persone. In effetti, il simbolo è stato usato per riferirsi alla cospirazione governativa, al monitoraggio high-tech, al controllo della mente e alle forze spirituali oscure. Questo simbolo rappresenta l’élite occulta?

Mentre Stefan perde la testa, ha iniziato a vedere un demone simile a un leone di nome Pax.

PAX E PACS

Mentre sta guardando un documentario sulla vita di Jerome F. Davies (l’autore del libro Bandersnatch), Stefan apprende di Pax.

“Davies si e` convinto di non aver alcun controllo sul proprio destino perché sua moglie lo riempiva di droghe psicoattive per volere di un demone chiamato Pax, una sorta di figura di leone che avrebbe visto in una visione”.

Come visto sopra, nei libri di Alice nel Paese delle Meraviglie di Lewis Caroll, Bandersnatch è un leone cornuto. Se uno passa attraverso i numerosi rami di storia di Black Mirror: Bandersnatch, i leoni iniziano ad apparire in diversi posti significativi.

Pax è un personaggio nel videogioco di Stefan.

In una storia, Colin – un programmatore “superstar” di videogiochi  alla Tuckersoft – dà a Stefan LSD un’opportunità di aiutarlo a uscire dal suo blocco creativo

Il cartone di LSD dato da Colin ha un leone su di esso. Alla fine porterà Stefan a incontrare davvero Pax. Nota importante: l’LSD è molto usato nell’MK-ULTRA.

Al culmine del loro viaggio acido, Colin spiega le oscure implicazioni del gioco Pac-Man.

“Ci sono messaggi in ogni gioco. Come Pac-Man, sai cosa significa PAC? P-A-C. Programma e controllo. Lui è il programma e il controllo. L’intera cosa è una metafora. Pensa di avere libero arbitrio, ma in realtà, è intrappolato in un labirinto, in un sistema. Tutto ciò che può fare è limitato, è perseguitato da demoni che sono probabilmente solo nella sua testa. Anche se fuggisse scivolando fuori da un lato del labirinto, cosa accardrebbe? Comparirebbe dall’altra parte. ”

Uno screenshot del gioco del 1982 Pac-Man. Colin lo descrive come una metafora della vita di Stefan come schiavo MK.

Non diversamente da Pac-Man, Stefan deve consumare costantemente pillole per andare avanti. E, mano a mano che la sua follia cresce, viene seguito anche dai demoni. Demoni veri

In trip, Colin convince Stefan che, poiché ci sono diverse realtà alternative, potrebbe saltare fuori dal balcone e non avrebbe importanza. All’osservatore viene quindi data la possibilità di far saltare Stefan o Colin. Se Colin è selezionato, salta e si uccide.

In precedenza, Colin ha presentato il suo ultimo videogioco. L’ambientazione: un ragazzo che salta da un balcone. I videogiochi di Bandersnatch prevedono eventi futuri.

Dopo la morte di Colin, Stefan lascia l’appartamento in preda al panico. Tuttavia,viene bloccato da qualcosa di spaventoso

Stefan incontra una manifestazione fisica di Pax. Questa cosa riapparirà in molte altre occasioni, specialmente quando le cose non vanno bene per Stefan.

Nel controllo mentale Monarch, agli schiavi vengono effettivamente assegnati demoni per rinforzare la programmazione.

“La programmazione coinvolge un sistema organizzativo, stabilito da un orrendo trauma, per le altre personalita` contenute nell’immaginario interno, che è guidato dai demoni, che forniscono il potere. Per rimuoverlo è necessaria una comprensione dei processi mentali coinvolti, dell’immaginario o del progetto utilizzato e delle dinamiche spirituali. ”
– Fritz Springmeier, la formula per creare uno schiavo del controllo mentale

Come detto sopra, la programmazione implica un sistema stabilito da un “orrendo trauma”. Se gli spettatori scelgono le opzioni giuste, viene rivelato il retroscena di Stefan: È un prodotto del controllo mentale basato sul trauma.

STEFAN BUTLER SCHIAVO MK

Quando Stefan riesce ad entrare nella misteriosa stanza chiusa a chiave di suo padre, scopre l’oscura verità sulla sua vita. Gli spettatori scoprono anche il significato dietro i simboli di cui Stefan era ossessionato.

Stefan scopre documenti su P.A.C.S. – Studio di programmi e controlli. Quindi Colin aveva ragione. Inoltre, nota il leone araldico sul documento – un altro riferimento a Pax.

Stefan trova un file su di lui con il simbolo dell’Orso Bianco.

All’interno del file, Stefan si rende conto di essere stato drogato, controllato e monitorato sin dalla nascita.

Stefan trova anche un nastro intitolato “Trauma Inception” che documenta il trauma che è stato costretto a vivere come parte della sua programmazione.

A questo punto, Bandersnatch si avventura in profondità nel mondo del controllo mentale basato sul trauma – noto anche come programmazione Monarch. L’obiettivo di questa pratica è di far sì che gli schiavi si dissociano dalla realtà come un meccanismo di coping per il trauma estremo. Una volta dissociati, gli schiavi diventano estremamente suggestionabili e facili da riprogrammare.

La terapeuta di Stefan (che finisce per far parte del sistema di controllo mentale) gli dice che sta iniziando a dissociarsi.

Verso l’inizio del film, la terapeuta di Stefan insiste che discute della morte di sua madre in giovane età – un evento traumatico che ha profondamente colpito il resto della sua vita. Stefan afferma che sua madre è morta a causa del Coniglio, il suo giocattolo preferito.

La madre di Stefan è morta in un incidente ferroviario. Ha perso il treno perché non riusciva a trovareil Coniglio e non voleva uscire di casa senza di lui, costringendola a prendere il treno successivo che avrebbe finito per schiantarsi.

Quindi “l’inizio del trauma” è stato causato da un coniglio bianco. Alice nel Paese delle Meraviglie, Alice viene attirata dallo specchio da un coniglio bianco.

Stefan passa “attraverso lo specchio” per rivivere il passato e recuperare il coniglio. Il tema del coniglio bianco che conduce alla dissociazione è al centro del simbolismo del controllo mentale ed è costantemente presente nei programmi di mass media a tema MK.

Il bianconiglio è una figura di programmazione per Alice nel paese delle meraviglie che permetterà di andare in posti altrimenti inaccessibili. Lui rappresenta il maestro. Il coniglio bianco è una figura importante per lo schiavo.
– Ibid.

Quando Stefan guarda il nastro “Trauma Inception”, scopre la verità sulla morte di sua madre.

Il padre di Stefan droga il cibo. Nell’attuale programmazione MK, le droghe sono usate per aumentare la suggestionabilità e amplificare il trauma.

Suo padre toglie con forza il coniglio dalle mani di Stefan. Strappare i giocattoli e gli animali domestici dai bambini è un’altra tecnica che induce il trauma

Stefan è bendato e portato nella sua “stanza” che è in realtà e` uno studio. Sua madre (un’attrice) sta per entrare nella stanza e annuncia che devono partire per prendere il treno.

Con il retroscena di Stefan, Bandersnatch copre alcuni dei principi fondamentali del controllo mentale basato sul trauma. L’onnipresenza di Pax e dell’Orso Bianco indicano la pervasività della programmazione che controlla tutti gli aspetti della sua vita.

Questo ci porta a chiederci: se Stefan è uno schiavo MK e non ha il controllo del suo destino, lo spettatore cosa rappresenta? Risposta: il conduttore. In effetti, mentre la storia avanza, Stefan diventa consapevole del fatto che è controllato dalle scelte fatte dallo spettatore e cerca di resistergli. Ma questo non funziona.

In un momento critico del film, lo spettatore viene presentato con due opzioni: uccidere il padre di Stefan o fare marcia indietro.

In precedenza nel film, il videogioco di Stefan presentava le stesse due opzioni: “Back Off” o “Kill Agent”. Inoltre, la figura sembra sospettosamente simile al padre di Stefan. Ancora una volta, un videogioco predice gli eventi a venire.

A seconda delle scelte fatte dallo spettatore, si può finire per vedere finali molto diversi. In un finale, Stefan torna indietro nel tempo, si imbarca con sua madre sul treno e muore con lei. In un altro, Stefan scopre di essere in una serie Netflix e le cose si fanno strane. Tuttavia, nella maggior parte dei finali, Stefan finisce per creare un gioco mal valutato e / o in prigione.

C’è un lieto fine da qualche parte? Non proprio. È tutto molto deprimente. Tuttavia, c’è un percorso che consente a Stefan di completare il suo videogioco e di ottenere un voto 5/5. Il percorso: Stefan deve uccidere suo padre e fare a pezzi il corpo. Dopo aver completato questo compito, Stefan sembra essere in pace con se stesso e riesce a creare il gioco perfetto. Tuttavia, poco dopo, viene arrestato e il suo gioco viene tolto dagli scaffali.

Stefan mostra la testa di suo padre nella sua stanza insieme al simbolo dell’Orso Bianco disegnato nel sangue. Il corso di Jerome F. Davies continua.

Stefan si è sbarazzato del suo programmatore MK? O ha perso la testa e ucciso suo padre?

CONCLUDENDO

Come evidenziato nei precedenti articoli su questo sito, i mass media hanno preso una direzione specifica negli ultimi anni. Anzi, oggigiorno, la maggior parte dell’intrattenimento sembra essere oscuro, sinistro, deprimente e carico di paura e paranoia. Inoltre, l’intrattenimento è sempre più pieno di immagini e storie sul controllo mentale monarch, come se ci fosse un tentativo di normalizzarlo. Netflix, il servizio di streaming che è ora in prima linea nella cultura popolare, ha lavorato duramente per produrre contenuti che si adattino a questa agenda. Nei mesi scorsi ho esplorato il simbolismo MK della serie di Netflix Stranger Things e i messaggi occulti di Le terrificanti avventure di Sabrina. Black Mirror: Bandersnatch è un’altra voce in questa crescente libreria di contenuti compatibili con l’agenda su Netflix.

Tuttavia, contrariamente ad altre serie disponibili, Bandersnatch si avventura nel territorio inesplorato dell’intrattenimento interattivo. Invece di visualizzare semplicemente “intrattenimento” relativo all’MK, gli spettatori vi prendono attivamente parte. In effetti, gli spettatori finiscono per interpretare il ruolo del gestore MK. E, come gli attuali gestori di MK, gli spettatori possono ordinare a Stefan di uccidersi o uccidere altri. Si potrebbe obiettare che dare agli spettatori questo piccolo viaggio di potere su uno schiavo MK rende l’intero mondo del controllo mentale meno orribile e persino “divertente”.

Tuttavia, dal momento che abbiamo a che fare con Black Mirror, dobbiamo fare un altro passo indietro e vedere l’obiettivo generale. Mentre gli spettatori si crogiolano nel sentimento divino di decidere il destino di Stefan, vengono anche attentamente guidati dalla narrazione. Inoltre, per tutto il tempo, gli spettatori sono monitorati e analizzati da Netflix. In effetti, ci sono già diversi articoli che spiegano il data mining delle decisioni prese dagli spettatori.

Fonte

Pink – Just Like Fire: Un altro video sul controllo mentale

Just Like Fire, di Pink, è uno dei video con maggiori riferimenti all’MKULTRA della storia. Associato al film Alice Through the Looking Glass, il video conferma la predilezione della Disney per il controllo mentale Monarch.

leadjustlikefire-702x336

Se si conosce un pochino il controllo mentale Monarch, e` possibile capire che la canzone di Pink fa sfoggio del suo simbolismo. Si segue la stessa narrativa e si utilizza lo stesso immaginario di innumerevoli altri video analizzati in questo sito, dimostrando ancora una volta che c’è uno sforzo sostenuto per esporre i giovani a questo mondo malato.

Nel video, Pink si ritrova “persa nel paese delle meraviglie” per poi venire rinchiusa in un istituto mentale – contro la sua volonta`. Attraverso immagini del controllo mentale, il video descrive simbolicamente la dissociazione e la programmazione di Pink. In breve, tutto il video è direttamente collegato al controllo mentale Monarch.

ALICE NEL PAESE DELLE MERAVIGLIE + DISNEY = CONTROLLO MENTALE

Just Like Fire è il primo singolo della colonna sonora di Alice attraverso lo specchio – un film Disney che certamente conterrà la sua parte di simbolismo MK. Come indicato nel mio articolo sul controllo mentale Monarch, l’obiettivo finale è quello di provocare la dissociazione dello schiavo utilizzando un trauma intenso ed insopportabile. Gli “handler” incoraggiano questo comportamento sottoponendo schiavi ad uno “script di programmazione”, una storia che guiderà il giovane schiavo attraverso la programmazione. Uno script comunemente utilizzato è Alice nel paese delle meraviglie di Lewis Carroll , una storia che può perfettamente essere applicata alle prove di uno schiavo MK.

Allo stesso modo in cui Alice segue il bianconiglio attraverso lo specchio per entrare nel paese delle meraviglie, gli schiavi seguono i loro gestori attraverso la programmazione per raggiungere la completa dissociazione. Nella favola, Alice entra in un mondo di fantasia dove tutto è magico, invertito e instabile, un posto simile al mondo interno dello schiavo, in cui tutto può essere modificato dal gestore. Pertanto, nella simbologia MK, “Il paese delle meraviglie” rappresenta lo stato d’animo di uno schiavo del controllo mentale, il luogo in cui “fugge” dal dolore causato da un trauma. In breve, la storia di Alice nel Paese delle Meraviglie – e altrie simili – vengono utilizzati come scenari nel controllo mentale.

I programmatori tendono a modificare queste storie perche` si adattino alla programmazione e i classici Disney sono il frutto di questa manipolazione.

Questo è il motivo per cui i film Disney e gli altri spettacoli sono così importanti per i programmatori. Sono lo strumento ipnotico perfetto per controllare e dissociare la mente del bambino. Gli handler hanno utilizzato i film per aiutare i bambini ad imparare lo script. I fanciulli hanno bisogno di prender parte del processo ipnotico. Se l’ipnotista permette al bambino di creare il suo immaginario, le suggestioni ipnotiche saranno più forti. Invece di dire al bambino di che colore e` il cane, il programmatore può chiederlo direttamente al bambino. Film e libri aiutano ad orientare la mente del bambino nella giusta direzione. Se l’ipnotizzatore parla ad un bambino, deve cautelarsi, cercando di non cambiare il tono della sua voce e di avere transizioni fluide. La maggior parte dei film Disney sono utilizzati per programmare. Alcuni di essi sono specificamente progettati per il controllo mentale.
– Fritz Springmeier, The Illuminati Formula to Create a Mind Control Slave.

Un esempio lampante di come la Disney abbia adattato una storia per la programmazione è il film del 1984 “Il fantastico mondo di Oz”. Nel film, estremamente inquietante, Dorothy viene inviata ad un istituto di igiene mentale dove viene sottoposta ad elettroshock. Naturalmente, niente di tutto questo era presente nella storia originale.

Decenni più tardi, la Disney fa la stessa cosa. Il video musicale Just Like Fire illustra quanto la Disney ha investito nel simbolismo MK. Nota: Pink stessa ha recentemente discusso la canzone Just Like Fire in una intervista al Jimmy Kimmel Live, mettendo in luce quanto sia diverso scrivere una canzone per la Disney rispetto ad una per il suo album, dicendo in sostanza che aveva ben poco controllo sul processo di songwriting.

Diamo un’occhiata al video.

JUST LIKE MK

Just Like Fire interpreta il mondo di Alice nel paese delle meraviglie secondo i dettami dell’MK ULTRA, dove “attraversare lo specchio” significa dissociarsi dalla realtà.

fire1

Il video inizia con le parole “Disney Presents”, facendoci sapere che questa “fabbrica del controllo mentale” e` ancora attiva.

Il marito di Pink, Carey Hart, va a trovare Pink. Non c’e` da preoccuparsi, fa le solite cose, ovvero appendersi al soffito.

fire2

Pink è a testa in giù e dondola all’interno di una stanza riccamente decorata.

Entrambi, pavimenti e pareti di questa stanza, sono a schacchiera a richiamo della tematica dualistica. Nel simbolismo massonico, il pavimento a scacchiera è la superficie rituale in cui si verifica la trasformazione occulta … e Pink non è nuova al simbolismo massonico.masonicpink

La performance di Pink ai 2009 MTV VMAs è stata una chiara iniziazione massonica. Il suo costume rispecchiava perfettamente le vesti utilizzate dai candidati massonici durante l’iniziazione: E` stata bendata, il seno sinistro è stato esposto e la parte sinistra dei suoi pantaloni erano a scacchiera.

Tornando alla stanza a scacchi, Pink inizia a roteare ad alta velocità. Proprio in quel momento, una ragazza (interpretata dalla figlia di Pink) emerge e segue una farfalla.

fire3

La ragazza segue una farfalla blu monarca attraverso uno specchio.

Questa serie di eventi mostra esplicitamente, simbolismo sul controllo mentale. Pink, appesa ad un soffitto mentre rotea rappresenta la sensazione vertiginosa e disorientante di un trauma. Una volta verificatasi la dissociazione, la ragazza, che rappresenta la personalità di base di Pink, appare e segue una farfalla monarca, emblema della programmazione Monarch. La farfalla attira la ragazza attraverso lo specchio nel Paese delle Meraviglie – la terra della dissociazione.

fire4

Nel paese delle meraviglie, Pink si ritrova su una scacchiera mentre la sua personalita` di basa (la bambina) continua a correre dietro la farfalla (seguendo lo script di programmazione).

Il motivo a scacchiera ricorda la stanza in cui Pink stava roteando, il che implica che si trova ancora in quel luogo, ma in uno stato di dissociazione. Grazie alle sue potenti proprietà dualistiche, questo modello è utilizzato nella reale programmazione MK.

judy-tears-str-tuned-shrunk

Questo dipinto di una superstite del controllo mentale, Kim Noble raffigura una ragazza che piange su un pavimento a scacchiera dualistica. Tutto, di questo dipinto, si riferisce al concetto di dualità nelle fasi di programmazione MK la quale induce la scissione della personalità dello schiavo.

fire5

Sulla scacchiera delle meraviglie, c’è un alterego di Pink, vestito in abiti a tema dualistico.

fire6

In una partita a scacchi contro se stessa, Pink interpreta il ruolo di tutti i pezzi, tra cui il “Re” che indossa una “corona di spine”. Uno degli occhi e` convenientemente celato, illustrando ancora una volta che l’intera storia riguarda il simbolismo MK.

Questa scena rappresenta ciò che accade agli schiavi dopo la dissociazione: scissione della personalita`.

Il bambino sarà anche privato del sonno e drogato. Insieme, tutto questo, fornirà la base dissociativa per frantumare la personalita` di base
– Ibid.

fire7

Questa scena rappresenta visivamente la scissione della personalità (bianco e nero), mentre Pink, vestita di rosso danza (rosso che rappresenta il colore del sacrificio).

Pink e sua figlia poi hanno un tè con il Cappellaio Matto.

fire8

Pink (e la sua personalita` principale) fluttuano in aria, alludendo alla sensazione di leggerezza sentita dagli schiavi dissociati

fire9

Pink poi cade a terra e si ritrova paralizzata mentre galleggia sopra i fiori, a rappresentare l’impotenza degli schiavi dissociati. La bambina segue la farfalla monarch.

fire11

Tempo (il tipo raccapricciante con i baffi) sta girando, in cerca della bambina – il personaggio principale.

Nel video, Tempo interpreta il ruolo di un handler che entra nella psiche dello schiavo dissociato per programmarlo.

cdwumvruuaaqa-r-jpg-large-e1464280167661

Il simbolo dell’occhio che tutto vede nella locandina dedicata a Tempo, ci dice che il personaggio rappresenta l’elite occulta

fire10

Tempo ha trovato la core persona di Pink e le offre un orologio

Quando l’handler raggiunge la personalità principale dello schiavo, si verifica una rottura completa. Il video mostra chiaramente questo processo in modo piuttosto grafico.

fire12

Pink esce immediatamente dal Paese delle Meraviglie (dissociazione) e viene condotta con la forza in un istituto psichiatrico, mentre indossa una camicia di forza.

fire13

Durante il breakdown di Pink, sullo schermo vengono proiettate un sacco di immagini inquietanti tra cui faccia arrabbiata di Tempo. Mentre il gestore sembra una brava persona durante la dissociazione, in realta`, e` un psicopatico.

fire14

Il video finisce con il marito che firma le carte per rinchiuderla in un istituto psichiatrico

Grazie, Disney, per questa storia edificante, sulla dissociazione e sul collasso mentale. I bambini la ameranno.

SCRIPT PER LE MASSE

Allo stesso modo in cui gli schiavi MK seguono un copione per la programmazione e la dissociazione, le masse sono sottoposte ad uno script di programmazione attraverso i media. In effetti, i lettori di questo sito potrebbero aver già riconosciuto la stessa narrativa di base in altri video. Per esempio, Wide Awake di Katy Perry ci mostra la cantante assieme ad una bambina attraversare lo specchio.

wideawake7

La Perry attraverso lo specchio con una bambina… ci sono un sacco di farfalle

wideawake101

Si ritrova in un istituto psichiatrico, completamente impotente

wideawake16

Il video finisce con Katy Perry che stringe nelle mani una farfalla

L’industria della musica non si occupa di “originalità”. Il suo scopo principale e` la programmazione mentale.

CONCLUDENDO

Just Like Fire è l’ennesimo caso in cui e` chiaro come l’industria dell’intrattenimento cerchi costantemente di esporre le masse al mondo del controllo mentale. Anche se Alice nel paese delle meraviglie di Carol è stato scritto nel corso del 19 ° secolo, la Disney ha adattato il racconto per soddisfare le esigenze del sistema MKULTRA, un sistema in cui l’azienda è direttamente coinvolta.

L’aggiunta di una scena in cui Pink perde la ragione è il modo con cui Disney sottolinea chiaramente che vi è di più nella storia di Alice nel paese delle meraviglie che semplice fantasia. La storia è utilizzata in una materia specifica per normalizzare il simbolismo della programmazione Monarch ed esporre in modo subliminale i giovani a questo orribile processo. Se non credete che la Disney e l’intera industria siano in grado di fare queste cose subdole, state ancora vivendo nel paese delle meraviglie.

Fonte