Un politico francese afferma che la quarantena non dovrebbe essere imposta sulle zone ad alta concentrazione di migranti per evitare sommosse

“Non è una priorità imporre la chiusura totale in determinati quartieri”.

Un alto funzionario del governo in Francia ha ammesso che le misure di blocco draconiane imposte al resto della popolazione non dovrebbero essere attuate nei ghetti ad alta concentrazione di migranti al fine di prevenire le rivolte.

In una lettera trapelata alla rivista Le Canard Enchaine, il Segretario di Stato francese presso il Ministero degli Interni, Laurent Nunez consiglia: “Non è una priorità imporre la chiusura di alcuni quartieri e fermare le riunioni”.

In una videochiamata separata, Nunez ha detto ad altri funzionari che limitare i movimenti e chiudere negozi nelle famigerate banlieue francesi rischia di innescare violenti disordini sociali.

Un prefetto della zona di difesa regionale che era presente alla chiamata ha convenuto che le imprese che erano state chiuse in altre aree della Francia dovrebbero rimanere aperte nei quartieri più poveri al fine di aiutare con la “mediazione sociale”.

“Questo indebolimento delle leggi che Macron ha dichiarato essenziali, questo evidente disprezzo per la popolazione nel suo insieme, arriva in un momento in cui la polizia, le ambulanze e i vigili del fuoco affrontano livelli record di ostilità quando si avventurano nei sobborghi dove le bande danno fuoco alle auto attaccandole quando arrivano per aiutare ”, scrive Damian Wilson.

Come illustrato nella clip qui sotto, ogni volta che la polizia tenta di imporre misure di quarantena, o qualsiasi altro atto di applicazione della legge, nelle aree a forte presenza di migranti, viene immediatamente circondata e intimidita da bande di migranti. Non è raro che camion dei pompieri e ambulanze vengano attaccati in queste aree “sensibili”

Un’altra clip mostra i migranti che reagiscono ai tentativi della polizia di imporre una quarantena saltando sul loro veicolo.

Come riporta Breitbart, i migranti nelle città europee in tutto il continente semplicemente non rispettano il blocco o gli agenti di polizia che cercano di imporlo.

La polizia nell’area migrante della Senna-Saint-Denis a Parigi afferma di essere sopraffatta dal numero di persone che si rifiutano di rimanere in casa.

“Non ci arrenderemo. Ma sappiamo anche dove vivono queste persone e come vivono. Il contenimento, per loro, è semplicemente impossibile “, ha spiegato un ufficiale.

Fonte

Informazioni su neovitruvian

Non fidatevi dei vostri occhi, sono facilmente ingannabili, ricercate in voi stessi quella forza che vi permette di distinguere il vero dal falso. Il mondo così come è non va. Mi basta questo.

Pubblicato il 30 marzo 2020, in Uncategorized con tag , , , , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. 1 Commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: