Cinema: Un nuovo strumento analizzera` se nei film c’e` abbastanza “diversita`”

I principali studi cinematografici di Hollywood utilizzeranno un nuovo strumento che scansiona sceneggiature di film e TV e segnalando tutti gli esempi in cui la “diversità” non è rappresentata positivamente in un nuovo sviluppo agghiacciante che fa eco al realismo sovietico.

Chiamato “Spellcheck for Bias”, lo strumento è stato sviluppato dal Davis “Institute on Gender in Media e dalla USC Viterbi School of Engineering”. Sarà implementato da Universal Pictures, DreamWorks Animation, Focus Features e NBC Entertainment nel prossimo futuro.

“Lo strumento ricerca la diversità nei script e nelle pubblicita` facendo emergere le menzioni su LGBTQ, razza e disabilità, e quindi identificando se vengono rappresentate positivamente o negativamente”, scrive Zachary Leeman.

Anche l’attrice di “Beetlejuice” Geena Davis ha collaborato con Universal Filmed Entertainment Group per utilizzare il programma “in modo da sorvegliare i ruoli di genere negli script”.

Stiamo entrando in un’era in cui i film non avranno solo la classificazione in base all’età, ma anche un punteggio su quanto siano “politically correct”? I film che non raggiungeranno gli standard richiesti saranno proiettati in meno sale?

“Invece di ampliare i propri orizzonti e aprire le porte a più registi e sceneggiatori, preferiscono utilizzare uno strumento da stato di polizia che sembra provenire da 1984 di George Orwell.” La diversità forzata non è affatto diversità – abbiamo visto come funziona al botteghino (Ghostbusters, Ocean 8, Charlies Angels, Harley Quinn: Birds Of Prey)  – e un’app sviluppata dalle stesse persone che foraggiano questo fallimento sembra piu` un “titolone da giornale”  che un vero cambiamento ”, scrive Leeman.

Analizzare ogni forma di arte prima che possa essere vista. Dove l’abbiamo visto prima?

Durante tutto il corso dell’impero sovietico, i dittatori imponevano che il “realismo socialista” fosse lo stile prescritto dell’arte idealizzata.

Ciò significava che ogni scultura, statua e dipinto dovevano conformarsi a un’estetica consolidata per “educare i cittadini su come essere dei perfetti sovietici”.

Al fine di consolidare la lealtà verso il Partito Comunista e far avanzare un’immagine utopica della società sovietica, “Lo scopo del realismo socialista era limitare la cultura popolare a una fazione specifica e altamente regolata dell’espressione emotiva che promuoveva gli ideali sovietici”.

Mentre i sovietici erano sottoposti a una monocultura progettata per garantire la fedeltà a una dittatura politica, gli occidentali sono sottoposti a codici vocali politicamente corretti e ingegneria sociale per garantire fedeltà al nuovo culto della diversità

Fonte

Informazioni su neovitruvian

Non fidatevi dei vostri occhi, sono facilmente ingannabili, ricercate in voi stessi quella forza che vi permette di distinguere il vero dal falso. Il mondo così come è non va. Mi basta questo.

Pubblicato il 26 febbraio 2020, in Uncategorized con tag , , , , , , , , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. Lascia un commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: