Emergenza climatica di lunedi`, espansione del gasdotto di martedi`: L’ipocrisia di Trudeau sui cambiamenti climatici

La finta preoccupazione di Justin Trudeau per l’ambiente è sempre stata ipocrita e duplice – ma c’è qualcosa di particolarmente viscido nel dichiarare un’emergenza climatica lunedì e approvare un’espansione del gasodotto martedì. Lunedì notte, il parlamento canadese ha votato per dichiarare un’emergenza climatica nazionale, definendo il cambiamento climatico una “crisi reale e urgente, guidata dall’attività umana”. Il giorno dopo, il governo Trudeau ha rivelato l’espansione del gasdotto Trans Mountain che distrugge l’ambiente (TMX), dimostrando completa indifferenza nei confronti della mozione presentata dal proprio ministro per l’ambiente.

La cosiddetta mozione di “emergenza climatica” non e` vincolante ed e` priva di significato, ovviamente; i politici spesso si aspettano di essere riconosciuti solo perche` sostengono una determinata causa – come se il solo riconoscere l’esistenza di un problema ,mentre si intraprendono azioni minime per influenzare qualsiasi cambiamento reale, sia in qualche modo degno di ammirazione.

Questa è la seconda volta che il governo liberale di Trudeau ha approvato il gasdotto. La sua precedente approvazione è stata annullata da un tribunale l’anno scorso per non aver preso in considerazione l’impatto ambientale del traffico delle petroliere e le implicazioni per le persone delle Prime Nazioni che vivono sul suo percorso. Il gasdotto triplicherebbe la quantità di petrolio spedito dalle sabbie bituminose dell’Alberta alla costa della British Columbia. I gruppi ambientalisti hanno avvertito di potenziali fuoriuscite di petrolio, aumento delle emissioni di gas serra, problemi con la vita marina già in difficoltà e danni irreversibili alle risorse idriche indigene.

Ma non solo gli attivisti ambientali avvertono di gravi ripercussioni ambientali. Il National Energy Board (NEB) del Canada ha scoperto che l’espansione avrebbe “effetti ambientali avversi significativi” per le balene e le orche gli effetti di eventuali fuoriuscite di petrolio sarebbero  “significativi”.

Nonostante gli effetti negativi, il NEB ha deciso che l’espansione “può essere giustificata” ed è “nell’interesse pubblico”. Hanno riconosciuto che gli innegabili effetti ambientali “hanno gravato pesantemente su di loro nel processo decisionale. In effetti, sembra che stiano davvero perdendoci il sonno. Quale parte della distruzione dell’ambiente e della biodiversità per le generazioni future è nell’interesse pubblico rimane un mistero.

Il governo di Trudeau ha acquistato il gasdotto da Kinder Morgan Canada Ltd per 3,4 miliardi di dollari l’anno scorso e prevede di venderlo dopo il completamento. Trudeau ha cercato di giustificare il progetto avvertendo che i canadesi sono attualmente “prigionieri del mercato americano” e si impegnano a convogliare le tasse dei profitti del progetto verso progetti di energia pulita.

È come “dichiarare guerra al cancro e poi annunciare una campagna per promuovere il fumo”, secondo Patrick McCully, direttore del programma energetico della Rainforest Action Network.

In un altro esempio della sua patetica politica dei gesti, Trudeau ha promesso la scorsa settimana di vietare le materie plastiche monouso “da costa a costa” a partire dal 2021 – un insignificante tokenismo da parte del truffatore canadese, che vuole la plastica fuori dagli oceani, ma non è troppo preoccupato di uccidere la vita marina che vive in loro.

Nel 2015 Trudeau ha conquistato una vittoria schiacciante con un abile branding progressivo, ma da allora ha perso il suo appeal a molti elettori sinceramente progressisti. Si scopre che andare in giro a parlare di “genere umano” e dare discorsi motivazionali alle conferenze sul clima non è in realtà sufficiente per avere il sostegno degli elettori che si preoccupano veramente dei problemi a cui Trudeau fa finta di preoccuparsi. L ‘”uomo della sostanza”, come lo ha descritto uno scrittore della rivista canadese Maclean nel 2015, era solo un altro venditore di fumo.

La politica ambientale era uno dei capisaldi dell’ultima campagna elettorale di Trudeau. Ricordi quando si impegnò a eliminare i sussidi federali per i combustibili fossili? Un rapporto nel 2018 definì il Canada il maggior fornitore di sussidi governativi per la produzione di petrolio e gas nel G7.

Questo è ciò che accade quando le persone si innamorano dell ‘”ambientalismo” di neocons supremamente arroganti come Trudeau e l’altrettanto sconvolgente zar di Francia Emmanuel Macron – due uomini che sono stati salutati dai media liberali occidentali come liberali salvatori e anti-Trump. Negli Stati Uniti, Joe Biden con il suo approccio “di mezzo” ai cambiamenti climatici rientra nella stessa categoria, avendo tutti i tratti distintivi del finto progressista più interessato a raccogliere voti centristi piuttosto che assumere posizioni ferme e di principio su qualsiasi cosa. Mentre si avvicina un’altra elezione canadese, Trudeau ha promesso di praticare “politiche positive”, qualunque cosa significhi.

Fortunatamente, l’approvazione da parte di Trudeau del progetto del gasodotto non significa che l’espansione sia un affare fatto – ancora. Ci sono ancora dei cerchi regolatori per farlo saltare e ambientalisti e gruppi delle Prime Nazioni si stanno preparando a combattere, progettando di montare nuove sfide legali e bloccarne la costruzione ovunque, l’obiettivo è di ritardare il progetto così tanto da farlo diventare un onere finanziario troppo grande.

Justin Trudeau non si preoccupa dei cambiamenti climatici o dell’ambiente. Non gli importa della plastica negli oceani, della vita marina o della protezione della biodiversità. Si preoccupa di proteggere un’immagine di se stesso come un campione ambientale – tuttavia non puoi essere un ambientalista e difendere la costruzione di gasodotti che distruggono l’ambiente.

Proprio come il suo progressismo sfuggente su tutta una serie di altri problemi, l’ambientalismo leggero di Trudeau lo rivela come nient’altro che un prevaricatore esperto nell’arte del doppiogiochismo.

Fonte

Informazioni su neovitruvian

Non fidatevi dei vostri occhi, sono facilmente ingannabili, ricercate in voi stessi quella forza che vi permette di distinguere il vero dal falso. Il mondo così come è non va. Mi basta questo.

Pubblicato il 20 giugno 2019, in Uncategorized con tag , , , , , , , , , , , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. Lascia un commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: