Il film “The Neon Demon” rivela il vero volto dell’elite occulta

The Neon Demon è un film sull’industria della moda e la sua ossessione per la giovinezza e la bellezza. Tuttavia, attraverso la sua storia e il suo simbolismo, il film rivela l’inquietante mentalità del mondo della moda e dell’élite occulta dietro di esso.

The Neon Demon e` intenso e spesso una esperienza dolorosa . Non solo è pieno di lunghe sequenze ipnotiche che enfatizzano la superficiale importanza del mondo della moda, ma si sofferma deliberatamente su alcune delle più sconvolgenti pratiche umane possibili, tra cui la pedofilia, la necrofilia, il cannibalismo e le uccisioni rituali. Tutti questi orrori sono presentati in una materia esteticamente piacevole e collocati in un contesto fresco e alla moda in un apparente tentativo di normalizzarli.

Come la maggior parte degli spettacoli analizzati su Neovitruvian, questo film lascia una sensazione oscena, come se la propria anima fosse violata da ciò che ha appena stato visto. Naturalmente, un risultato del genere e ` prevedibile per un “film horror psicologico”, ma la parte più inquietante non è la finzione: sono le verità oscure del “mondo reale” che sembra celebrare. In effetti, quando si conosce il lato oscuro dell’industria dell’intrattenimento – e l’élite occulta che lo possiede – il film diventa un manifesto inquietante, una celebrazione indulgente da parte di persone che si dilettano nell’oscurità. In breve, svela di cosa tratta veramente l’industria, come funziona veramente e chi ne è veramente dietro.

Attraverso la storia di un’innocente ragazzina che si trasferisce a Los Angeles sognando di diventare una top model internazionale, The Neon Demon rivela il vero volto dell’industria dell’intrattenimento.

Diamo un’occhiata a The Neon Demon.

CULTURA DELLA MORTE

Sottomettersi a questo tipo di film significa essere esposti alla mentalità distorta di chi ci sta dietro. E fin dall’inizio, The Neon Demon ci mette sotto gli occhi ciò che il mondo della moda è: celebrare la cultura della morte utilizzando la giovinezza e l’innocenza come facciata.

Nella prima scena del film, Jesse posa in un photoshoot in cui appare morta dopo che le hanno tagliato la gola.

Se hai dato una occhiata ai miei articoli precedenti sei già a conoscenza di questa tendenza che si sta verificando nei servizi di moda. Ecco un esempio di un vero servizio fotografico dove la modella è fondamentalmente un “cadavere vestito bene”.

“Pin Up” W Magazine, 2008

MIRANDO ALLA GIOVENTU`

La modella del sanguinario photoshoot è Jesse, una modella di 16 anni che è “nuova in città”. Incontra Ruby, una truccatrice che chiede con nonchalance domande molto specifiche.

Mentre Jesse rivela di essere un’aspirante modella giovane e vulnerabile, Ruby la guarda intensamente, come se le stesse dicendo “Voglio sbranarti viva” … letteralmente.

– Sei appena arrivata a L.A., Jesse?
– Come lo hai saputo?
– Hai quello sguardo. Non preoccuparti tesoro. Quello che sei è esattamente quello che vogliono.

L’elite vuole la giovinezza e l’innocenza. “Loro” predano e si nutrono di esse … letteralmente.

Dopo aver appreso da Jesse, Ruby la invita a una festa. È così che i nuovi arrivati vengono introdotti nella bolla sociale claustrofobica che è il mondo della moda.

Allo show, Jesse viene presentata ad altre due modelle, Gigi e Sarah, che rapidamente interrogano Jesse.

Ruby dice che i colori del rossetto tendono a vendere di più quando prendono il nome da cibo o dal sesso. Quindi chiede a Jesse:

– Sei cibo o sei sesso?

Questa strana domanda diventerà estremamente rilevante più avanti nel film. In effetti, ci sono due modi in cui la sua energia vitale può essere “consumata”.

Le ragazze poi guardano uno spettacolo bizzarro che presenta una modella legata. Al culmine dello spettacolo, viene sollevata in aria e posta in una posizione che racchiude un importante significato simbolico.

Mentre la musica è a tutto volume, la modella fluttua nell’aria.

La posizione della modella ricorda fortemente l’arco dell’isteria di Louise Bourgeois.

“L’arco dell’isteria” di Louise Bourgeois

E` stato dimostrato che questa particolare opera e posizione sono importanti per l’élite occulta. Il serial killer Jeffrey Dahmer ha posto una delle sue vittime senza testa in quella specifica posizione.

Dahmer era un cannibale. In The Neon Demon e` presente anche il cannibalismo. E altro ancora. Come l’abuso di minori.

Keano Reeves interpreta il ruolo di un proprietario di un motel che affitta camere per aspiranti modelle. È un idiota.

Ad un certo punto, il proprietario del motel dice all’amico di Jesse di dare un’occhiata a una ragazza nel suo motel.

“Dai un’occhiata nella stanza 214 se ne hai la possibilità. Tredici anni. Vera lolita. Stanza 214. Un Must See. “

Più tardi nel film, il proprietario del motel entra di nascosto nella stanza di Jesse per infilarle un coltello in gola. È un riferimento inquietante all’abuso violento subito dai giovani modelli.

Attraverso queste varie scene, capiamo che Jesse è entrata in un mondo incasinato che sta cercando di consumarla.

ENTRARE NEL SETTORE

Jesse viene presto reclutata da un’agenzia di moda che le promette di lavorare con “tutti i grandi designer”, che la condurranno al “successo internazionale”. Quando Jesse ammette di avere solo 16 anni e di non essere diplomata, le viene detto di dire alla gente che ne ha 19 anni.

A nessuno importa che lei sia minorenne. Di fatto, la sua giovinezza le dà quel “qualcosa” che l’industria cerca disperatamente. La gioventù non viene solo usata per vendere copie di riviste, ma è sfruttata a un livello più profondo. Le civiltà primitive erano solite sacrificare giovani vergini agli dei perché si credeva che avessero più “potenza magica”. Questo concetto è ancora vivo oggi. Le persone che possiedono grande ricchezza, potere e influenza credono in questi concetti occulti. The Neon Demon affronta queste cose in una materia sottilmente velata.

Quando Jesse va al suo primo servizio fotografico con un “grande” fotografo, le cose si fanno strane.

Al photoshoot, Jesse ha un adesivo lucida incollato sul viso. La sua forma ricorda la testa di Baphomet, completa di corna e la torcia dell’illuminazione. Mentre questa potrebbe essere una coincidenza, il contesto occulto del film ci dice il contrario.

Quando il fotografo vede Jesse con i suoi adesivi dorati, ha una reazione inaspettata. Dice a tutti i presenti di lasciare la stanza. Quindi ordina a Jesse di togliersi tutti i suoi vestiti. Ricordo che ha solo 16 anni

Poi, in una scena strana, il fotografo sfrega del color oro su tutto il corpo di Jesse, concentrandosi stranamente sulla sua gola in una scena che potrebbe riferirsi al fatto che sia diventata “la ragazza d’oro” dell’industria in mano all’elite.

TRASFORMAZIONE

L'”x factor” di Jesse la porta a recitare in una sfilata di moda. Questo spettacolo inizia normalmente ma presto si trasforma in un lungo, ipnotico rituale occulto che sembra trasformare profondamente Jesse.

Mentre Jesse cammina lungo la passerella, una scena alternativa si svolge simultaneamente in una dimensione “più alta”. La sfilata è l’iniziazione all’industria di Jesse, dove scopre il suo nuovo alter ego.

Jesse si trova sotto una piramide illuminata – un simbolo dell’élite occulta

Vediamo la nascita di una nuova Jesse che bacia se stessa continuamente.

Dopo lo spettacolo, è nata una nuova e sexy, Jesse.

Viene svelata una nuova Jesse. Non e` quella che abbiamo conoscsiuto. Vuole far parte del mondo glamour e superficiale della moda.

SOTTO L’OCCHIO CHE TUTTO VEDE

Mentre Jesse progredisce nel mondo della moda, siamo sottilmente introdotti nel mondo oscuro dell’occulto che lo governa. Siamo anche pesantemente introdotti al simbolo che lo rappresenta: l’onnipresente occhio che tutto vede (ovviamente). Nel film, l’occhio onniveggente, ovvero l’occhio nel cielo, è associato alla luna.

Sotto la luna piena, Jesse parla di come lei non abbia alcun talento, tranne che per essere carina … e di come una volta parlasse alla luna.

“Quando ero una bambina, sgattaiolavo fuori dal tetto di notte. Pensavo che la luna avesse l’aspetto di un grande occhio tondo. E guardando su dicevo: mi vedi? “

Jesse voleva essere notato dall’industria dell’intrattenimento. Voleva che il “grande occhio rotondo” la vedesse. Bene, l’ha vista. È stata avviata nel settore.

Quando le cose si fanno pericolose nel suo motel, Jesse viene invitata a stare a casa di Ruby … e le cose diventano ancora più bizzarre. La ragazza e` ora intrappolata all’interno di una casa d’élite, e i predatori attendono famelici.

All’inizio, Ruby si impone su Jesse, che ammette di essere vergine.

Quando Jesse la spinge via, Ruby impazzisce. Se Jesse non può essere sesso, sarà cibo (ricordi la citazione sopra?). Ma prima, Ruby deve fare qualcosa in fretta.

Nella scena successiva, vediamo Ruby nel suo secondo lavoro in una casa mortuaria dove trucca cadaveri. Quando riceve il corpo di una giovane donna, Ruby si eccita.

Ruby bacia e accarezza un cadavere. Sì. Il film rimane su questa scena per molto tempo.

Mentre sta accadendo questa scena inquietante, un’altra scena è giustapposta ad essa.

Mentre Ruby indulge nella necrofilia, Jesse si tocca sensualmente.

Questo fastidioso bit viene trascinato per molto tempo. Mentre Ruby si eccita e i suoni lamentosi si intensificano, ci rendiamo conto che i cineasti stanno davvero cercando di rendere questa scena eccitante per gli spettatori. È come se fossero davvero interessati a quel genere di cose e vogliono che anche noi facciamo lo stesso.

Dopo questa scena inutile, Jesse si veste senza motivo apparente. Diventa l’agnello sacrificale.

Jesse indossa un abito bianco, sembra una fanciulla che sta per essere sacrificata agli dei.

Quando Jesse esce, Ruby e le sue due amiche modelle la seguono e la uccidono.

Sacrificio di sangue. I cineasti hanno reso questa scena di morte il più fashion possibile.

Ruby e le sue amiche non uccidono semplicemente Jesse …

Ruby sta letteralmente facendo il bagno nel sangue di Jesse. Anche le altre due modelle sono fradice di sangue.

Dopo questa scena nauseante, vediamo Ruby prendere parte a uno strano rituale sotto la luna piena – il “grande occhio rotondo”. Sta dimostrando servitù verso l’occhio che tutto vede.

Ruby giace sul pavimento, crogiolandosi al chiaro di luna.

Come per enfatizzare la cultura della morte, Ruby viene inquadrata mentre e` distesa dove Jesse è stato sepolta.

Nel frattempo, le altre due modelle sono presenti in un photoshoot di alto profilo. Apparentemente, mangiare Jesse ha conferito loro il fattore “X” che le rende nuovamente desiderabili all’industria. Tuttavia, durante il servizio fotografico, una delle modelle si sente male.

La modella non poteva sopportare di avere Jesse dentro di lei. Si pugnalal quindi lo stomaco da cui fuoriesce il bulbo oculare di Jesse.

L’altra modella raccoglie il bulbo oculare non digerito.

Cosa fa con il bulbo oculare? Indovina.

Lo mangia tutto!

Quindi, con uno sguardo perso sul viso, la modella torna allo shooting di moda.

Allora, che diavolo è appena successo? Qual è la morale della storia?

Bene, “morale” non è davvero una parola che si applica qui. “Morale” significa “preoccupato dei principi del comportamento giusto e sbagliato e della bontà o della cattiveria del carattere umano”. Non c’è “morale” qui, solo un’esposizione di ciò che il mondo della moda è.

The Neon Demon descrive come l’industria sfrutta le ragazze (preferibilmente molto giovani), intrappolandole in un mondo da cui non possono sfuggire. Descrive come le persone nel settore sono coinvolte in pratiche malate motivate da rituali oscuri.

Jesse, una ragazza semplice di una piccola città, era piena della bellezza naturale e della vitalità che i vampiri senz’anima di Hollywood  così disperatamente bramavano. Dopo anni nel pozzo nero che è l’industria della moda, tutta l’umanità che avevano e` stata risucchiata, lasciandoli con il desiderio di sangue giovane.

Anime innocenti non ancora contaminate dall’industria sono attratte verso il “cerchio interno” per essere poi sfruttate. Quando non possono più essere usate, vengono eliminate. Coloro che effettivamente ce la fanno nel settore sono quelli che traggono profitto dallo sfruttamento – quelli che “assorbono” la forza vitale degli altri. Coloro che ce la fanno sono quelli che hanno completamente venduto la loro anima e sono disposti a inghiottire l’occhio dell’élite occulta per continuare.

The Neon Demon sta celebrando tutto questo. Letteralmente.

Fonte

Informazioni su neovitruvian

Non fidatevi dei vostri occhi, sono facilmente ingannabili, ricercate in voi stessi quella forza che vi permette di distinguere il vero dal falso. Il mondo così come è non va. Mi basta questo.

Pubblicato il 21 maggio 2019, in Uncategorized con tag , , , , , , , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. Lascia un commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: