Il significato occulto del film Coraline

Coraline è un popolare film stop-motion pubblicato nel 2009. Mentre il film sembra essere rivolto ai giovani, l’immaginario di Coraline racconta una storia nascosta: la programmazione di uno schiavo del controllo mentale da parte di un sadico handler. Guarderemo il significato nascosto del film Coraline.

Coraline è stato il primo film animato pubblicato da Focus Pictures, la stessa società che in seguito ha pubblicato 9, un altro film animato con un significato oscuro di fondo (leggi l’articolo a riguardo qui). Tuttavia, a differenza di 9, Coraline ha ricevuto recensioni entusiastiche e elogi quasi universali per la sua storia e grafica. Parte del fascino del film è la sua premessa semplice, a misura di bambino, intrecciata con immagini distorte e profondità psicologica. E, per chi conosce il simbolismo del controllo mentale, il film diventa ancora più profondo: rappresenta simbolicamente il processo di programmazione di uno schiavo del controllo mentale da parte di un handler.

In effetti, la prima scena del film è fondamentalmente un sunto dell’intero processo. Mostra un paio di inquietanti mani metalliche che trasformano una vecchia bambola in una nuova. Se si esamina attentamente questa scena, simbolicamente (e in modo raccapricciante) descrive come gli schiavi MK vengono presi, traumatizzati e programmati da un handler, rappresentato in tutto il film da una mano metallica.

Le mani inquietanti di un pervertito stanno per iniziare a lavorare su questa bambola (che rappresenta uno schiavo MK).

Le vengono tolti i vestiti con una forbice (un riferimento agli abusi?)

I capelli le vengono strappati dalla testa (una forma di tortura che induce un trauma?)

Occhi strappati. Come potresti sapere leggendo Neovitruvian, la rimozione degli occhi è il simbolo principale a rappresentazione della programmazione MK.

Le interiora vengono rimosse con la forza (che rappresenta la rimozione del personaggio principale dello schiavo?)

La bambola viene quindi riempita dall’handler e fatta sembrare Coraline. La creazione dell’alterità è simbolicamente completa.

La prima scena del film riassume ciò che accadrà durante l’intero film: la programmazione di una ragazza da parte di un conduttore sadico. Prima di entrare nei dettagli del film, diamo un’occhiata alla sua premessa generale.

LA PREMESSA

Coraline è una bambina che si è trasferita in una nuova casa con i suoi genitori. È costantemente annoiata e infelice e i suoi genitori non le prestano l’attenzione che desidera. Mentre esplora la sua nuova casa, Coraline trova una piccola porta che conduce a una versione alternativa della sua realtà in cui i suoi genitori sono divertenti e attenti e dove tutto è magico e meraviglioso. In questo senso, la premessa di Coraline è simile a storie come Il mago di Oz, Alice nel Paese delle Meraviglie e Labyrinth. Tutti questi film, tra cui Coraline, seguono lo stesso schema di base: 1) La protagonista è una ragazza curiosa, senza paura, intraprendente e che non ha paura di essere diretta; 2) È annoiata dalla sua vita e desidera divertirsi e scoprire nuove cose; 3) Entra magicamente in un mondo che è strano, ma meraviglioso; 4) Si “aggancia” al mondo alternativo e non vuole tornare alla realtà.

Per questo motivo, queste storie sono usate come strumenti di programmazione nelle sessioni di controllo mentale reali. Queste storie incoraggiano gli schiavi che vengono torturati a sfuggire al trauma dissociandosi dalla realtà e entrando in una realtà alternativa (programmata dall’handler). In tal modo, il cervello si “disconnette” dal corpo e la sensazione di dolore scompare. Mentre osservano Il mago di Oz, agli schiavi viene detto di “superare l’arcobaleno” e mentre osservano Alice nel paese delle meraviglie, devono “camminare attraverso lo specchio”. Coraline segue una sceneggiatura simile mentre la protagonista passa attraverso una piccola porta per accedere alla “meravigliosa” realtà alternativa. Questo mondo è tutto ciò che desidera Coraline, ma c’è un piccolo problema: è tutto falso, creato da un handler sadico per manipolarla. Diamo un’occhiata alla protagonista del film.

CORALINE

Coraline è doppiata da Dakota Fanning, una enfant prodige del cinema (aveva circa 15 anni quando lavorava su Coraline) che è apparsa in altri film a tema MK. Il personaggio sembra avere un lato “magico”. All’inizio del film viene mostrata mentre pratica l’antica attività occulta della rabdomanzia.

Coraline cerca un pozzo segreto usando la sua bacchetta da rabdomante. Per questo motivo, la sua amica Wybie la chiamerà “strega dell’acqua”.

Una strega d’acqua o rabdomante, in una xilografia del XVI secolo.

Più tardi nel film, il padre di Coraline la chiama una “rstreghetta” mentre canta per lei. In tutto il film accadono cose magiche e soprannaturali. Tuttavia, scopriremo in seguito che queste cose sono trappole destinate a condurre Coraline al suo hand;er. Tutte queste scene alludono all’aspetto stregonesco coinvolto nella programmazione MK.

A un certo punto, Wybie dà a Coraline uno strano regalo: una bambola che le assomiglia.

Nel simbolismo MK, le bambole rappresentano l’alterego dello schiavo. Coraline chiamerà questa bambola “Little Me”.

Coraline porta questa bambola ovunque vada. Tuttavia, a volte, la bambola sembra attirare Coraline nei luoghi in cui il suo handler vuole che lei vada: il mondo alternativo o, in termini MK, la dissociazione.

Coraline trova una piccola porta chiusa a chiave nella sua casa. Quando sua madre la sblocca, la porta non porta da nessuna parte.

Tuttavia, di notte, Coraline torna “magicamente” alla porta e scopre che conduce a una realtà alternativa.

L’ALTRO MONDO

Quando Coraline attraversa la porta, torna nella sua casa – ma tutto è leggermente diverso.

Coraline nota che la sua “altra madre” è più calda, più attenta e una cuoca migliore della sua vera madre. Inoltre, ha i bottoni al posto degli occhi. Il simbolismo dei bottoni al posto degli occhi è estremamente importante in questo film: illustra che i personaggi nel mondo alternativo sono burattini fabbricati dall’handler. Successivamente viene rivelato che l’Altra Madre è lo stesso handler sotto mentite spoglie.

Tutto nell’Altro Mondo è fatto su misura per incantare Coraline e soddisfare i suoi bisogni (che sono i bisogni di tutti i bambini): Ricevere attenzione dai genitori, divertirsi e scoprire cose meravigliose. L’handler, quindi, sa esattamente quali “pulsanti premere” per ottenere una risposta positiva da Coraline. Sapendo che Coraline è sconvolta dal cibo disgustoso dei suoi veri genitori, l’Altra Madre proietta la calda e confortante vista di una madre che prepara un pasto cucinato in casa per la sua famiglia.

Nell’Altro Mondo, il padre di Coraline ha creato un intero giardino che assomiglia al volto di Coraline visto dall’alto. Questo è un altro modo per conquistare Coraline, attingendo al bisogno dei bambini di essere al centro del mondo. Tutto è fatto apposta per lei e tutto è fatto per farla sentire speciale.

Come previsto, Coraline si rende conto che le piace di più stare nell’Altro Mondo. Ma le cose diventano raccapriccianti molto rapidamente. Mentre, all’inizio, il film si rivolge ai bambini e a tutto cio` che a loro piace, ora rappresenta cio` che fa loro piu` paura (molti genitori hanno riferito che questo film apparentemente a misura di bambino terrorizzava i loro figli e dava loro incubi).

L’altra madre chiede a Coraline di rimanere con lei per sempre. Per farlo, tuttavia, Coraline deve lasciare che l’Altra Madre cucisca dei bottoni sui suoi occhi.

Gli altri genitori di Coraline le propongono di cucirle bottoni sul viso. Notare i teschi con le corna (Baphomet) sullo sfondo. Sono ben illuminati per enfatizzare la magia nera / trasformazione occulta del processo MK che accade nel mondo alternativo. Queste teste cornute non sono presenti nella cucina del mondo reale.

Gli altri genitori chiamano minacciosamente Coraline “la nostra piccola bambola” e le dicono che “presto vedrai le cose a modo nostro”. Cucire bottoni sugli occhi significa che sarebbe diventata per sempre la marionetta del suo handler, che avrebbe poi, come afferma il film, “divorato la sua anima”. In termini MK, lei avrebbe perso il controllo della sua personalità principale rimanendo bloccata nel mondo dissociativo creato dal suo conduttore (l’equivalente di divorare la sua anima).

Il concetto di occhi (e la loro mancanza) è estremamente importante in questo film, come nel vero simbolismo della programmazione MK. Mentre l’élite occulta si rappresenta con l’Occhio che tutto vede, il controllo mentale è rappresentato dalla rimozione degli occhi – facendo sì che lo schiavo perdesse di vista la realtà.

Un poster inquietante del film con un occhio che tutto vede dentro un triangolo.

Quando Coraline rifiuta il patto, l’altra madre si arrabbia e vediamo la sua vera forma.

L’illusione dell’Altro mondo è rotta. Coraline vede la vera forma dell’altra madre, una mostruosità scheletrica simile a un ragno. Quando gli schiavi MK si arrendono alla dissociazione, il “sollievo” che provoca in un primo momento si trasforma rapidamente in un incubo.

Coraline viene quindi rinchiusa in una stanza dove trova i fantasmi di altri bambini che sono diventati schiavi dell’handler. In questa scena, i fantasmi nascondono un occhio mentre chiedono a Coraline di trovare i loro occhi, l’unico modo in cui le loro anime saranno liberate.

Per trovare gli occhi mancanti dei fantasmi dei bambini, Coraline deve usare uno strumento simbolico: un triangolo con un buco. Questo è un cenno al triangolo con l’occhio che tutto vede?

I tre fantasmi chiamano l’altra madre “Beldam”, che significa “vecchia donna brutta e dall’aspetto malvagio”. La parola assomiglia anche al termine Grand Dame, il titolo dato a donne importanti nel sistema di controllo mentale degli Illuminati.

“Una Gran Dama degli Illuminati assisterà i programmatori nell’assicurare che il copione appropriato sia dato al bambino e che non si verifichi una rottura psicotica che fa perdere la mente alla vittima”.
– Fritz Springmeier, la formula degli Illuminati per creare uno schiavo del controllo mentale

Non a caso, la Beldam di Coraline svolge fondamentalmente il ruolo di una Grande Dame nella programmazione del controllo mentale.

“È necessario un legame d’amore stretto tra un bambino e l’aggressore iniziale, in modo tale che venga creata una separazione netta quando viene eseguito il trauma iniziale che infrangera` la mente. La separazione netta si verifica quando il bambino si trova di fronte a due punti di vista opposti inconciliabili di qualcuno che è importante per loro. Il bambino non può riconciliare le due visioni estremamente opposte della stessa persona, essendo una persona amorevole, e l’altra è il peggior tipo di aggressore. La persona di cui il bambino si è fidato di più è la persona che il bambino temera` di più. Alcuni terapeuti professionisti hanno capito che questo è il modo in cui il nucleo viene diviso “.
– Ibid.

Nel controllo mentale monarch, la Grande Dame è una delle tre persone che assiste nella programmazione dei giovani schiavi. Come in Coraline, la Grande Dame è in qualche modo una figura madre (contorta).

“Mentre un bambino degli Illuminati progredisce attraverso la sua programmazione, tre persone hanno supervisionato la sua programmazione: la sua Grande Madre, la sua Grande Dame e il programmatore.”
– Ibid.

In tutto il film, a Coraline viene detto che c’è “solo una chiave” che può aprire e bloccare la porta al mondo alternativo – e la Beldam la desidera disperatamente. Questa chiave rappresenta l’accesso alla psiche di Coraline. O Coraline ne ha il controllo o lo ha la Beldam. Per questo motivo, c’è “solo una chiave”.

Nella sua ricerca di libertà, Coraline non è sola. È aiutata da uno strano personaggio.

IL GATTO NERO

Un gatto nero senza nome diventa la guida di Coraline durante tutto il suo viaggio.

Il gatto nero appare per la prima volta a Coraline mentre è “strega dell’acqua” all’inizio del film. Nel folklore europeo, i gatti neri erano considerati “famigli” delle streghe – spiriti che le aiutano e le proteggono mentre compiono il loro lavoro magico. In Coraline, il gatto nero svolge fondamentalmente lo stesso ruolo e diventa vitale per il suo successo.

Mentre il gatto appariva a Coraline nel mondo reale, appare anche nell’Altro Mondo – e senza pulsanti sugli occhi. Inoltre, quando nell’Altro Mondo, il gatto può parlare con lei. Il gatto sembra anche sapere molto sulla Beldam e sul mondo che ha creato.

In questa scena, il gatto nero mostra a Coraline come l’Altro Mondo è un falso costrutto creato dalla Beldam per attirare Coraline. In termini MK, il gatto nero sta mostrando a Coraline i confini del mondo dissociativo.

Mentre il gatto nero sembra essere di grande aiuto, tende anche a condurre Coraline nelle trappole della Beldam.

In questa scena, il Gatto Nero riporta Coraline al portale dell’Altro Mondo, facendola dissociare di nuovo.

Il gatto sta aiutando o manipolando Coraline? La fine del film potrebbe fornire una risposta.

Dopo qualche avventura, Coraline salva i fantasmi trovando i loro occhi e distruggendo il mondo costruito da Beldam. Poi getta la chiave per l’Altro Mondo (che rappresenta la sua psiche) nel magico pozzo che ha trovato mentre cercava l’acqua. Coraline torna felicemente nel suo mondo reale e cerca di trarre il meglio dalla vita reale. La sua famiglia organizza una festa nel loro giardino – lo stesso giardino che somigliava a Coraline nell’Altro Mondo. Mentre guardiamo il giardino, gli osservatori piu` caparbi potrebbero realizzare qualcosa di strano.

Il giardino ha la forma del volto di Beldam.

Mentre molti spettatori probabilmente non hanno notato questo dettaglio quasi subliminale, esso ha un significato pesante. Rappresenta l’imprinting della Beldam su Coraline per sempre – anche se apparentemente è stata sconfitta.

La Beldam e` stata veramente sconfitta? Coraline veniva effettivamente manipolata dal gatto? Gettare la chiave della sua psiche e` stata una buona mossa? la Beldam può ora “attivare” Coraline nel suo mondo ogni volta che ne ha bisogno? Come in altri film a tema MK (Labyrinth), mentre la scena finale del film sembra essere una celebrazione, la celebrazione è smorzata da piccoli dettagli raccapriccianti che suggeriscono che il tutto potrebbe non avere avuto un “buon fine”.

Il film si conclude con il gatto nero che scompare magicamente dietro un palo.

Il gatto scompare magicamente perché il suo lavoro come guida è completo? O il suo lavoro come programmatore è completo? Non è chiaro.

CONCLUDENDO

Mentre, a prima vista, Coraline sembra essere una ammonimento sull’apprezzare ciò che hai e non essere tentato da quelle cose che sono troppo belle per essere vere, le immagini scure e contorte del film suggeriscono concetti più profondi. Come dimostrato dal numero di schermate utilizzate in questo articolo, il film contiene una ricchezza di simboli sottili che raccontano la loro storia, una che è intrecciata con l’occultismo e il processo oscuro del controllo mentale monarch.

L’intero film è basato sul simbolismo di una mano minacciosa (che rappresenta l’handler) che manipola una ragazza, attirandola in un mondo creato per fare appello alla sua psiche. Quando Coraline scappa (dissocia) nell’Altro Mondo, il concetto di bottoni che sostituiscono gli occhi rappresenta la natura illusoria di questo mondo e la cecità di chi è intrappolato in esso. Alla fine, Coraline sembra sconfiggere il suo nemico ma, come suggerisce il simbolismo sottile, potrebbe aver semplicemente fatto esattamente quello che ci si aspettava da lei da sempre.

Questo film, che presenta immagini basate sulla sensazione confortante di arti e mestieri, allude comunque al controllo mentale, la pratica più sadica conosciuta dall’uomo.. Come è il caso di molte altre opere nei mass media, il significato nascosto di Coraline può essere compreso solo da coloro che hanno “occhi per vedere”. Sfortunatamente, la maggior parte delle persone ha ancora bottoni.

Fonte

Informazioni su neovitruvian

Non fidatevi dei vostri occhi, sono facilmente ingannabili, ricercate in voi stessi quella forza che vi permette di distinguere il vero dal falso. Il mondo così come è non va. Mi basta questo.

Pubblicato il 14 maggio 2019, in Uncategorized con tag , , , , , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. 1 Commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: