Scienza Proibita: Dio contro Darwin (L’evoluzione darwiniana non rispetta il metodo scientifico)

Accanto all’attacco personale ad hominem; il mantra noioso, condiscendente e in-your-face di “scienza – scienza – scienza” è l’arma psicologica più comunemente usata dall’evoluzione. L’implicazione è che a meno che non si possieda una laurea in scienze avanzate, non e` possibile formare una opinione indipendente. Si tratta tuttavia solo di un trucco retorico.

Prima di tutto, la mancanza di un ampio “background scientifico” non squalifica necessariamente un pensatore logico dal mettere in discussione l’Evoluzione o qualsiasi altra questione relativa alla scienza. Se un uomo osserva un cielo che si oscura rapidamente in un pomeriggio estivo brutalmente caldo e umido; seguito da un improvviso calo di temperatura e da un rombo di tuono lontano; la sua mancanza di un “background in meteorologia” invaliderebbe la sua opinione riguardo al fatto che a breve piovera`?

Se un uomo sceglie di prendere l’ascensore invece di saltare da una finestra del 40 ° piano nella sua cabriolet aperta al piano terra; la sua mancanza di un “background in fisica” renderebbe invalida la sua paura di saltare dai grattacieli?

Questa idea che qualsiasi questione pertinente alla scienza, o relativa alla scienza, possa essere discussa solo da coloro che hanno le “qualifiche” giuste, è un chiaro esempio di un altro errore logico classico; l ‘”appello all’autorità”. Ogni grande filosofo dal Buddha, a Confucio, a Platone, a Socrate, a Marco Aurelio, a Gesù, a Schopenhauer e a tanti altri in particolare ha messo in guardia contro gli errori intrinseci associati a questo tipo di adorazione. Di nuovo, ripetendo ciò che Buddha espresse in un capitolo precedente, e questo non può essere enfatizzato o ripetuto abbastanza:

“Non affidarti dai resoconti, dalle leggende, dalle tradizioni, dalle scritture, dalle congetture logiche, dall’inferenza, dalle analogie, dall’accordo attraverso le vedute ponderate, le probabilità o il pensiero.”

In altre parole: “Non dare per scontato le cose, e al diavolo quegli sciocchi decorati con il diploma che pensano di sapere tutto. Usa la tua stessa ragione e osservazione!” E con questo, faremo a meno di questa spazzatura paternalistica e pacchiana sulla “mancanza di un background scientifico” una volta per tutte. Vedete, non ci vuole un “background scientifico” per capire i principi di base e senza tempo del cosiddetto “metodo scientifico”. Ironia della sorte, è il sacro Metodo scientifico che condanna la “scienza teoretica” dell’evoluzione darwiniana.

COS’E` IL METODO SCIENTIFICO?

Il metodo scientifico consiste nelle fasi del diagramma di flusso mostrate nella seguente tabella:

Ogni fase deve logicamente passare al passaggio successivo fino al completamento del processo. Non si puo` saltare nessun passo! Non appena gli standard di un determinato passo non possono essere soddisfatti, il gioco termina e l’ipotesi deve o essere scartata o venir messa in parte fino a quando non si ottengono ulteriori dati. Ora, inseriamo l'”Evoluzione” nella catena di montaggio e vediamo cosa otteniamo.

Step 1: Fai una domanda

OK. Questo è facile. Chiunque può fare una domanda su qualsiasi cosa. Ecco qui: “Come siamo giunti fin qui?”

Step 2: Fai una ricerca di base

Raccogli i dati e osservali attentamente. Se rilevi uno schema che suggerisce una conclusione plausibile, passa al passaggio successivo. Ciò che Darwin ha “scoperto” durante questo passo è che tutte le creature viventi condividono molti tratti comuni; e che le differenze tra loro sono adattamenti al loro ambiente

Step 3: Costruisci un’ipotesi

In base al tuo data mining, fai un’ipotesi plausibile su quale sia la verità. Non un qualsiasi tipo di ipotesi non un’ipotesi selvaggia e infondata; ma un’ipotesi educata basata su un modello convincente di dati. Qui, in una fase molto precoce del metodo scientifico, Darwin è già uscito dai binari. Nelle sue stesse parole da donnola:

“Le vere affinità di tutti gli esseri organici, in contraddizione con le loro somiglianze adattative, sono dovute all’eredità o alla comunità di discendenza, quindi dovrei dedurre dall’analogia che probabilmente tutti gli esseri organici che sono mai vissuti su questa terra sono discesi da una qualche primordiale forma, in cui si e` respirata per la prima volta la vita “.

Ciò che Darwin osservò non è davvero nulla che un ritardato di 8 anni, vivendo in una grotta di 10.000 anni fa, non avrebbe potuto facilmente notare da solo; vale a dire che tutte le creature hanno molti tratti in comune. Ad esempio, una lucertola ha due occhi, una bocca, denti, una lingua, quattro arti, una spina dorsale, uno scheletro, ecc; e, un essere umano ha anche due occhi, una bocca, denti, una lingua, quattro arti, una spina dorsale, uno scheletro ecc. E da questo, e nient’altro, Darwin “ipotizza” che tutti gli esseri viventi provenissero da uno  “singolo” “organismo? Davvero Carletto?

O guarda hanno due occhi e due narici di sicuro hanno un progenitore in comune

Lo stesso Darwin ammette che non ci sono dati a supporto della sua ipotesi; il che significa che l’ipotesi stessa non avrebbe mai dovuto essere messa in primo piano. Di nuovo, come precedentemente affermato, dalla sua stessa bocca:

“A riguardo di questo sterminio di un’infinità di collegamenti, tra gli abitanti viventi ed estinti del mondo, e in ogni successivo periodo tra le specie estinte e ancora più antiche, perché non tutte le formazioni geologiche sono cariche di tali legami? perche` non tutte le raccolte di resti fossili offrono una chiara evidenza della gradazione e della mutazione delle forme di vita?

Non incontriamo nessuna prova del genere. E questa è la più ovvia e forzata delle molte obiezioni usate contro la mia teoria. “

Esatto, Carletto. I MILIONI di “anelli mancanti” che sono fluiti dalla feccia del brodo primordiale da una singola cellula all’uomo moderno e ad ogni altro organismo vivente non esistevano alla fine del 1800, né sono stati ad oggi trovati, anzi, come ammettono apertamente anche gli eminenti evoluzionisti, la documentazione sui fossili sembra effettivamente mostrare che le nuove forme di vita arrivarono all’improvviso sulla scena (cosa che supporta l’Ipotesi del Progetto Intelligente)

Nondimeno, nonostante il fatto che gli standard per il “Passo dell’ipotesi” del Metodo scientifico non siano stati raggiunti, secondo la stessa ammissione di Darwin; cerchiamo, puramente per argomento, di imbrogliare un po ‘ e a chiudere un occhio per il prossimo step.

Step 4: Metti alla prova la tua ipotesi facendo un esperimento

Non so da dove cominciare nemmeno con questo. Come si costruisce un esperimento per “provare” che la bis-bis-bisnonna [x] era un pezzo di alga che apparve spontaneamente in uno stagno e “mutò” in milioni di specie di transizione, culminando in quello che siamo oggi? In assenza di qualsiasi sperimentazione, si potrebbe presumibilmente saltare questo passaggio e saltare ad un’osservazione intensa dei processi naturali nell’evoluzione; un “esperimento naturale”, per così dire.

Ma anche qui, non c’è nulla da osservare. La realtà è che l’evoluzione trans-specie non è osservabile e non è mai stata osservata, né in natura, né nella documentazione sui fossili, né in un esperimento di laboratorio. Scusate evoluzionisti, ma un frammento di cranio di qualche creatura che si presume sia un “antenato delle scimmie” non soddisfa il livello dell’osservazione scientifica; e tanto meno costituisce una prova concreta che la bis-bis-bis-bisnonna era un microscopico di feccia di stagno unicellulare.

E parlando di “semplici” organismi monocellulari (che ora sappiamo essere più complessi di sottomarini nucleari e navicelle spaziali!), Un organismo a cellula singola non è mai stato osservato “mutare” in una nuova specie di organismo a due cellule. Mio Dio! Gli evoluzionisti non possono nemmeno convalidare, né in natura né in laboratorio, il salto da un batterio cellulare a un batterio a due cellule; eppure ci chiamano “stupidi” per aver dubitato che nostra nonna si sia evoluta da un brodo primordiale.

La “semplice singola cellula” originariamente formata in modo casuale viene fornita di un proprio genoma – un chip per computer vivente, ricco di codifica del DNA che trasmette durante la riproduzione cellulare. Nulla di simile è mai stato osservato apparire spontaneamente e riprodursi in uno stagno o nel “brodo primordiale” che nessuno ha mai visto.

Ovviamente, i passaggi 5 e 6 del metodo scientifico si rendono inutili; ma non agli evoluzionisti dogmatici e ai degenerati marxisti che battono i pugni sul tavolo urlando “Scienza … scienza … scienza!” ; umiliandoti brutalmente dicendo che sei “ignorante” per aver osato mettere in discussione la loro feccia di stagno assolutamente non osservabile. La teoria dell’evoluzione transpecie non è né verificabile né osservabile. Allo stesso modo, la teoria della vita che arriva ciecamente dalla non vita non è né verificabile, né osservabile.

Diamine, queste teorie sono state create prima di comprendere il codice incredibilmente complesso che chiamiamo, genoma; un codice didattico sconvolgente che è programmato in tutti gli organismi, incluso quelli “semplici”

Secondo qualsiasi onesto rendering del metodo scientifico, l’evoluzione atea non è scienza. In effetti, non è nemmeno una buona fantasia.

In breve, non c’è nulla dietro la “Porta # 1”!

Secondo la ragione, la logica, il buon senso e il metodo scientifico; la porta contrassegnata con “Evoluzione Ateistica” non porta da nessuna parte.

Informazioni su neovitruvian

Non fidatevi dei vostri occhi, sono facilmente ingannabili, ricercate in voi stessi quella forza che vi permette di distinguere il vero dal falso. Il mondo così come è non va. Mi basta questo.

Pubblicato il 8 settembre 2018, in Uncategorized con tag , , , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. Lascia un commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: