Attentato in Texas: L’evento era gia` stato “previsto” dai mass media

Una scena inquietante nel film Kingsman: The Secret Service mostra l’eroe mentre uccide un’intera congregazione all’interno di una chiesa di stile battista negli Stati Uniti del Sud, simile a quanto recentemente avvenuto in Texas.

Il 5 novembre Devin Kelley entrò nella First Baptist Church in una piccola città del Texas durante il servizio domenicale, indossando una maschera con le sembianze di un teschio e un giubbino anti proiettile. Armato di un fucile Ruger AR-556 e di due pistole, Kelley ha sparato sulla folla, uccidendo 26 persone, tra cui molti bambini.

Similmente a molti attentatori in passato, Devin Kelley aveva servito nei militari per un po ‘di tempo, compreso un periodo di 12 mesi in confinamento.

Kelley era una volta membro della Forza aerea statunitense, ha dichiarato la portavoce Ann Stefanek. Ha servito nella base aeronautica Holloman in New Mexico, a partire dal 2010.

Kelley è stato giudicato dalla corte marziale nel 2012 per aver infranto 2 volte l’articolo 128 del Codice Uniforme di Giustizia Militare, aggredendo il coniuge e assaltando il loro bambino, ha dichiarato la Stefanek. Kelley e` stato congedato con disonore, messo al confino per 12 mesi e ha subito una riduzione di rango. La Air Force non ha fornito alcuna data per quanto riguardo il congedo.
CNN, What we know about Texas church shooting suspect Devin Patrick Kelley

Diversi rapporti su Kelley stanno emergendo nei mass media. Alcune notizie riportano che fosse un “ateo aggressivo” che spesso si sfogava nei social media. Il suo profilo Linkedin afferma che era un ex-insegnante di studi biblici, che è in qualche modo in contraddizione con l’attentato in chiesa. Sia la sua famiglia che sua moglie avevano forti legami con la religione.

Secondo un profilo su Indeed.com, la moglie di Kelley era un “insegnante per bambini” al First Baptist di Sutherland Springs dal giugno 2009 al marzo del 2013. Le sue responsabilità includevano insegnare ai bambini riguardo Dio, ed era in generale una influenza positiva.
– Heavy, Danielle Shields Kelley: 5 Fast Facts You Need to Know

Nuovi rapporti di polizia affermano che Kelley aveva “problemi” con la suocera che frequentava solitamente la chiesa, ma non era presente quel giorno.

Quindi, cosa ha veramente motivato il tiratore ad uccidere? Potrebbe essere stato programmato dai militari per eseguire questa terribile missione? Il pubblico era certamente programmato per testimoniarlo.

Descrivendo la scena orribile a Sutherland Springs, lo sceriffo della contea di Wilson Joe Tackitt ha dichiarato:

“E` entrato avanzando dalla navata centrale, si è voltato e ha cominciato a sparare. È incredibile vedere i bambini, gli uomini e le donne giacere a terra senza vita.”

La First Baptist Church in Texas

Questo scenario è simile a una scena del film Kingsman: The Secret Service. Anche la chiesa è simile.

Un’immagine della chiesa in Kingsman

Galahad, uno dei protagonisti del film, si alza durante il sermone e racconta ad una donna:

” Sono una prostituta cattolica che gode di rapporti extramatrimoniali con un bel fusto nero ed ebreo di una clinica militare pro-aborti, perciò viva Satana! Le auguro un buon pomeriggio, mia cara.”.

Galahad prosegue uccidendo ogni singola persona nella chiesa, in una lunga e potente scena estremamente gory, con della musica rock che suona in sottofondo.

Galahad spara ad una donna in testa

Alla fine uccide tutte le persone nella chiesa….ah si lui e` il buono

Mentre Galahad lascia la Chiesa Missionaria del Sud Glade, vediamo un cupo messaggio: l’America è condannata.

Nel mio articolo “Kingsman: The Secret Service: Come vendere l’idea di “elite occulta” ai giovani”  ho spiegato come l’intero film sia un mezzo per divulgare l’agenda dell’elite. Nel finale vediamo addirittura l’elite nascondersi in location remote mentre le masse vengono fatte a pezzi.

Nel film, la furia omicida di Galahad è spiegata attraverso il “controllato mentale” (un chip sul cellulare e` in grado di triggerarlo nel diventare un assassino). Anche Kelley era una vittima del controllo mentale?

Una cosa è certa: Uccidere delle persone mentre stanno adorando Dio, a livello spirituale, e` estremamente potente.

UCCISI IN ADORAZIONE

Le persone di fede cristiana chiamano la loro chiesa la “casa di Dio”. All’interno della casa di Dio, pregano e si confessano con Dio. Per molti, è un momento sacro e solenne di intensa spiritualità. Entrare nella casa di Dio e trasformarla in un bagno di sangue mentre la congregazione è in adorazione è, a livello spirituale, un rituale satanico.

Come visto sopra, in Kingsman, proprio prima di uccidere tutti i fedeli, Galahad dice “Ave Satana”. Le sincronicità mediatiche non si fermano qui.

La violentissima serie televisiva The Preacher si svolge in Texas. Il poster ufficiale mostra una chiesa sottosopra e inevitabilmente un crocifisso al contrario: un simbolo del satanismo.

A poche ore dal massacro, Marilyn Manson (un membro dichiarato della Chiesa di Satana) e` entrato nello stage puntando un fucile finto verso il pubblico. Il fucile presenta una croce di Lorena invertita. Il concerto si è svolto a San Bernardino, una città in cui vi fu una tragica sparatoria di massa nel dicembre 2015.

NORMALIZZARE L’ORRORE

Negli ultimi 35 giorni si sono verificate due delle piu` grandi sparatorie di massa della storia americana. Sulla scia di queste tragedie, come se fosse diventata una nuova abitudine, in molti si sono rivolti ai social media per strumentalizzare la tragedia, usandola per giustificare la loro agenda politica, tralasciando ogni tipo di “pietas” umana nel processo.

Infatti, in questi tempi scuri punteggiati da sparatorie di massa senza senso, il costo umano delle tragedie è quasi completamente trascurato. Molti adesso aspettano con ansia di sapere l’identità degli assassini in modo da poter iniziare a puntare il dito e far avanzare la propria agenda. Sembra che la serie senza fine di uccisioni di massa che si verificano in tutto il mondo abbiano reso le persone indifferenti alle sofferenze umane. Le sparatorie di massa sono ora “checkpoint politici”, argomenti convenienti da sfoderare durante i dibattiti politici. Ancora peggio, il detto “pensieri e preghiere” è diventato un meme ironico, un commento su come la società sia indifferente e impotente davanti all’Orrore.

Tuttavia, non e` giusto incolpare le persone. Se dovessimo diventare depressi per giorni ogni volta che c’e` un attentato, non potremmo nemmeno funzionare regolarmente. Il fatto è che, quando una fonte di dolore e` costante, il corpo umano reagisce naturalmente intorpidendo la fonte del dolore per poter preservare la propria funzionalita`. Allo stesso modo in cui i piedi nudi, esposti a terreni accidentati, diventano, nel corso del tempo, piu spessi e duri, cosi` la nostra capacità di sentire dolore e tristezza inevitabilmente, diminuisce ad ogni trauma.

Questa e` la direzione in cui stiamo andando. La nostra capacita` di provare dolore di fronte all’uccisione di persone innocenti, e alla sofferenza viene costantemente “intorpidita”. Le persone si interrogano senza fine sui musulmani cattivi, sui redneck cattivi, sui liberali cattivi e sui conservatori cattivi, senza comprendere che siamo tutti nella stessa barca.

La sorgente da cui derivano queste uccisioni è la stessa sorgente da cui provengono i film e la musica che paghiamo per vedere e sentire. Siamo i nemici che stanno cercando di sconfiggere su piu` fronti: le nostre menti, le nostre anime, la nostra capacità di sentire compassione sono tutti obiettivi sensibili. Attraverso il loro terrore, ci stanno confondendo, dividendo e demoralizzando. Attraverso i loro media, ci stanno preparando.

Fonte

Annunci

Informazioni su neovitruvian

Non fidatevi dei vostri occhi, sono facilmente ingannabili, ricercate in voi stessi quella forza che vi permette di distinguere il vero dal falso. Il mondo così come è non va. Mi basta questo.

Pubblicato il 9 novembre 2017, in Uncategorized con tag , , , , , , , , , , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. 1 Commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: