Il significato occulto delle “Tre scimmie sagge” nascosto dall’elite

Le “Tre Scimmie Sacre” (chiamate anche le “Tre scimmie mistiche”) sono un’antica icona sacra il cui significato originale è stato volutamente nascosto dalla Elite. Conoscere la verità sulla secolare direttiva del “non vedere il male”, “non sentire il male” e “non parlare del male” può essere in grado di arricchirvi in modi che non ritenevate possibili e cambiare la vostra vita per sempre. In questo articolo, scopriremo l’autentico significato del simbolo e vedremo perché esso ci viene nascosto.

Three-Wise-Monkeys-Three-Mystic-Apes-293x300
L’elite ci ha insegnato (cioè, i mass media e i loro sponsor) che il simbolo rappresenta l’ignorare la cattiva condotta altrui, evitando di denunciarla a chi di dovere:

“Nel mondo occidentale la frase viene spesso usata nei confronti di coloro che fanno riferimento alle proprie malefatte, in modo parziale, rifiutando di riconoscerle o fingendo ignoranza.”

-Wikipedia

Il guaio, è che “chiudere un occhio” sulla cattiva condotta altrui non è il vero, autentico e originale significato del simbolo. Si tratta di un falso e corrotto “sostituto”.

IL SIGNIFICATO ORIGINALE DELL’ANTICO SIMBOLO

Il significato originale del simbolo ci viene nascosto (dai poteri che non dovrebbero essere forti) per una buona ragione: La verità è molto più potente, auto-migliorativa, magica e spiritualmente edificante di quanto le Elite possa permettere.

“La sola eccezione, alla vita priva di proprietà materiali, del Mahatma Gandhi, fu una piccola statua delle tre scimmie.”

-Wikipedia

mkgandhi-c1-247x300Il Mahatma Gandhi, uno degli eroi più amati del mondo.

Mizaru, coprendosi gli occhi, non vede il male. Kikazaru, comprendosi le orecchie, non sente alcun male. Iwazaru, coprendosi la bocca, non parla del male. Insieme, le tre scimmie rappresentano il principio del “non vedere il male”, “non sentire il male” e “non parlare del male”.

Ma cosa significa esattamente?

Prendiamo la prima frase: “Non vedere il male.” Significa proprio quello che dice: “Non vedere il male”, o non guardare tutto ciò che è male. Non desiderate il male, non lasciate che entri nel vostro sistema, neppure per un momento.

Perché no?

Avete mai bevuto latte scaduto? Mangiato carne avariata? Formaggio ammuffito? Una volta digeriti vi viene mal di pancia. Il corpo rendendosi conto che sono sostanze tossiche cercherà di espellerle il più velocemente possibile.

Vale la stessa cosa per il male. Quando lo vediamo, lo digeriamo e diventa parte di noi. Bisogna in qualche modo sbarazzarsene, spesso con risultati negativi.

Per molti, l’equivalenza tra l’idea di “vedere” il male e “digerirlo” potrebbe suonare come una cagata. In realtà essa nasconde un principio profondo. Per utilizzare un semplice confronto, è un fatto provato che vedere violenza nei media (cioè, in TV, nei film, nei videogiochi) ci fa pensare ed agire in modo più violento:

“Letteralmente migliaia di studi a partire dagli anni 50 si sono chiesti se esistesse un legame tra l’esposizione a contenuti mediatici violenti e il comportamento violento. Tutti, tranne una ventina scarsa ha dato risultato positivo. Le prove dalla ricerca sono schiaccianti. Secondo la AAP, ‘vaste prove emerse dalla ricerca indicano che la violenza nei media può contribuire ad un comportamento aggressivo, desensibilizzare nei confronti della violenza, avere incubi e paranoie.’ Assistere a spettacoli violenti è legato anche all’avere meno empatia nei confronti degli altri. “

—University of Michigan Health System

Guardare contenuti violenti ci fa agire in maniera più violenta. Allo stesso modo, quando “vediamo il male” lo interiorizziamo. In questo modo esso, diventa una parte di noi, che necessita di uno sfogo. Se non è possibile espellerlo esso si “deposita” nei nostri corpi e nelle nostre menti.

Pertanto, l’antica direttiva “Non vedere il male” è una massima che cerca di proteggeci dal male avvertendoci di non “guardarlo” in primo luogo.

3165258822_f2978fe0541Una scultura del 17 ° secolo su una porta del famoso santuario Toshogu a Nikko, in Giappone.

La frase successiva, “Non sentire il male”, si basa sullo stesso principio. Quando sentiamo il male, diventa parte di noi. Il nostro corpo lo assorbe come una spugna.

Nel caso del terzo principio, “Non parlare del Male”, le cose sono un pò diverse . Vista e udito sono due dei nostri cinque sensi (insieme al tatto, al gusto e all’olfatto). Il parlare non è però un senso. Vedere e sentire comportano entrambi l’introdurre “qualcosa” nel nostro corpo, mentre il parlare implica l’esternare.

In un certo senso, può essere visto come il risultato dei primi 2 principi. In altre parole, “Non vedendo il male” e ” Non sentendo il male ” sarà possibile “Non parlare del male”, in quanto sarai puro. 1 + 1 = 2.

La domanda è: Perché questa semplice saggezza ci viene tenuta nascosta?

Coloro che non conoscono o ignorano il reale significato di questa iconografia, dovrebbero rendersi conto che essa trasporta una saggezza antica, che può essere fatta risalire a 2500 anni fa: un saggio codice di condotta seguito dalle più alte civiltà in Cina, India, Giappone e altrove. La sua saggezza può essere ritrovata in grandi pensatori come Confucio:

“Non guardare ciò che è contrario alla decenza, non ascoltare ciò che è contrario alla decenza, non parlare di ciò che è contrario alla decenza; non fare nessun movimento che sia contrario alla decenza”

-Confucio, c. 500 aC

Troviamo idee simili in altre religioni e sistemi spirituali. Un esempio è il “Nobile Ottuplice Sentiero” del Buddhismo, che è la guida pratica del Buddha allo sviluppo etico e mentale con l’obiettivo di liberare l’individuo dalla sofferenza, gli attaccamenti e le delusioni e che porta infine a comprendere la verità su tutte le cose:

  • Retta Visione
  • Retta Intenzione
  • Retta Parola
  • Retta Azione
  • Retta Sussistenza
  • Retto Sforzo
  • Retta Presenza Mentale
  • Retta Concentrazione

Nell’antico Zoroastrismo (c. 1200 aC), il termine “Humata, Hukhta, Hvarshta” espresse l’idea principale della religione. Significava: “Buoni pensieri, Buone parole, Buone azioni.”

“Durante l’infanzia dei giovani giapponesi viene instillato un precetto. Si tratta del: “Non vedere il male, Non sentire il male, non parlare del male”

Our Young People, St. Johns Institute For Deaf Mutes, 1910

‘Non vedere il male, non sentire il male, non parlare del male.’; ‘Pensa al male e creerai il male,’ sono proverbi universali vecchi come il mondo”.

—Leonard Stuart, The Cosmic Comedy, 1919

“Sopra la porta del tempio sacro
Siedono nella loro saggezza le tre –
La scimmietta sorda,
La scimmietta muta,
La scimietta che non vede;
Con gli occhi chiusi al male,
Le orecchie che ascoltano solo il bene,
Le labbra mute agli scandali,
Se ne stanno sedute nel loro imperioso silenzio. “

-Sconosciuto

“… Vi consiglio … l’osservanza di un comandamento che esisteva prima di quelli Cristiani o Ebrei.

Farai un patto con i tuoi sensi,
Con il tuo occhio, che non vede alcun male.
Con il tuo orecchio, che non sente alcun male.
Con la tua lingua, che non parla di alcun male.
Con le tue mani che non commettono male.

-Thomas Paine, Città federali, Hotel Lovett, 1802

Che filosofia semplice e pura. Aiuta a voltare le spalle alla negatività distruttiva, a proteggere gli occhi dalle immagini e dalle impressioni che non sono costruttive per la propria crescita spirituale.

NASCOSTO DALL’ELITE

Perché, allora, i mass media incanalano sempre più violenza verso le nostre menti? Perché veniamo bombardati da male, violenza e paura in ogni istante?

I film di Hollywood stanno diventando sempre più sinistri, contorti e malvagi.

horror-movie-actors-collageI film di Hollywood ci costringono a violare l’antica massima del “Non vedere il male”.

I video giochi per bambini contengono sempre più scene sanguinarie e crude:

Columbine-Video-GameA sinistra: immagine da un violento videogioco per bambini. A destra: Il videogioco ispirato al massacro della Columbine.

Le stazioni televisive stanno mandando in onda una programmazione sempre più inquietante e oscena.

Grimm-CSII suoni e le immagini violente provenienti dalla televisione si immagazzinano nel nostro cervello. Quando finisce il programma o il film, essi continuano a girovagare nei nostri pensieri, consciamente e inconsciamente, sfociando in comportamenti scorretti.

Anche la musica si è incupita negli ultimi decenni, diventando più violenta in termini di testi, copertine degli album, video e artworks connessi:

Music-Industry-ViolenceL’industria musicale, controllata e comandata dall’Elite, promuove la violenza tra le giovani generazioni.

Aggiungi a tutto questo la dose di veleno di telegionali e programmi di cronaca. Ogni giorno le notizie parlano più o meno delle stesse terribili cose: “Dieci morti, Sei donne violentate, Feriti per arma da fuoco, Attentati dinamitardi, il terrore arabo, l’odio razziale o di genere, la corruzione dei politici, il collasso economico. “

TV-News-ViolenceGuardando il telegiornale permettiamo al male, alla violenza e all’odio di entrare dentro di noi.

Quando guardiamo le news quasi sempre sentiamo parlare di un evento violento. Veniamo bombardati di violenza. Come vi fa sentire? Tristi, spaventati, nervosi, arrabbiati, depressi e così via. Giusto?

Ora, cosa succederebbe se ti accorgessi che questo Male viene indirizzato su di te … di proposito? Perchè è proprio così, l’elite lo sta facendo di proposito. Il loro obiettivo è quello di destabilizzare la società impedendoci di diventare spiritualmente migliori. Allo stesso tempo, stanno nascondendo l’antica saggezza del “non vedere il male”, “non sentire il male” e “non parlare del male”, privandoci del principale strumento/insegnamento con il quale potremo difenderci.

Come molti altri insegnamenti che portano con se una grande saggezza, quello delle tre scimmie è stato capovolto e viene ora utilizzato contro di noi come un’arma. La massima è stata pervertita nel “Vedi il Male”, “Ascolta il Male”, “Parla del male”, un meccanismo di controllo che blocca la luce, oltre che la crescita spirituale e impedisce la rivelazione dolce e graduale di verità spirituali sempre più altre, la saggezza e la realizzazione di se stessi.

Three-Wise-Monkeys-Cartoon

Il male che siamo costretti ad ingoiare è molto più dannoso di quanto possiamo immaginare. Sta avendo più effetti negativi di quanto pensiamo. Instilla il cancro nei nostri corpi e nelle nostre menti. Veniamo costantemente esposti a mali terribili e visto che non ce ne rendiamo conto, non riusciamo neppure a sbarazzarcene a livello conscio. Peggio ancora, siamo partecipanti volontari alla sua canalizzazione, non per scelta, ma perché crediamo sia normale, essendo nati e cresciuti in questo sistema. Non ci rendiamo conto che tutto è stato appositamente progettato per destabilizzarci mentalmente e fisicamente, mantenendo le elite al potere e le masse schiavizzate, sottomesse e impaurite.

COMBATTENDO I POTERI CHE NON DOVREBBERO ESSERE FORTI

Cosa possiamo fare per combattere tutto ciò?

Spegnete la TV! Smettete di sostenere Hollywood! Smettere di comprare i biglietti per il cinema! Non comprate inutili riviste. Cercate di condividere, soprattutto tra i giovani l’idea, che il sistema è malato e viziato.

Assicuratevi di sapere che esistono molti modi positivi di liberare il male che consumiamo. L’esercizio (fisico e mentale), la meditazione, la scrittura, la lettura, il jogging, il canto, una corsa in bicicletta. Pure il sesso. Nell’antichità, vennero create le Olimpiadi in modo che le città-stato e i regni avessero potuto sfogare la propria rabbia repressa e le proprie ostilità in modo positivo e gioioso.

discusa1Gli antichi fondarono i giochi olimpici per incanalare il male che provavano gli uni verso gli altri in modo costruttivo. Oggi questa saggezza è andata perduta.

Sì, al mondo esiste il male (terroristi con bombe, assassini, carestie, banche che vogliono portarti via la tua vita ecc…). Ma ricordate sempre che il male e la paura stanno succedendo “al di fuori” e non “in voi.” Tutte le cose negative che accadono “là fuori” non potremo controllare fino a quando non avremo la padronanza su ciò che accade dentro di noi. Questo percorso inizia riuscendo a gestire i nostri sentimenti e le nostre reazioni agli eventi esterni. Abbiamo il potere di cambiare questi eventi e la chiave per questo potere consiste nel cambiare noi stessi. Ne consegue, che ognuno di noi possiede un potere immenso.

Non appena avvertite paura, riconoscetela solo come un pensiero e chiedetevi consapevolmente: perché ho ​​paura? La mia paura deriva da una immediata minaccia al mio benessere o alla mia sicurezza? Se la risposta è negativa allora si tratta di una illusione che va eliminata. Il più delle volte, temiamo le cose che la nostra mente inventa. Cose che potranno accadere nel futuro, ma che non ci sono ancora realmente capitate. Se permetteremo a questa paura di persistere, attrarremo probabilmente le cose che più temiamo.

CONCLUDENDO

L’antico e autentico significato delle tre scimmie sagge è stato censurato, vietato, e tenuto nascosto alle masse. Ha avuto origine in Oriente e i “poteri che non dovrebbe essere forti” introducendolo in occidente ne hanno manipolato il significato. Ora, infatti, l’icona rappresenta qualcosa di totalmente estraneo al suo significato originale.

Se volete vedere un reale cambiamento nella vostra vita, potreste stamparvi una foto del simbolo delle Tre Scimmie Sagge e tenerlo sulla vostra scrivania o in macchina. Oppure potreste fare come Ghandi. Il male si sviluppa come un cancro. Una volta isolato, morirà da solo.

Fonte

Informazioni su neovitruvian

Non fidatevi dei vostri occhi, sono facilmente ingannabili, ricercate in voi stessi quella forza che vi permette di distinguere il vero dal falso. Il mondo così come è non va. Mi basta questo.

Pubblicato il 22 febbraio 2016, in Uncategorized con tag , , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. Lascia un commento.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: