Prova che il libertalismo è uno stratagemma illuminato

A sinistra. William S. Volker (1859-1947) era un ricco uomo d’affari di origine ebreo/tedesca.

Lungi dal voler difendere la libertà, gli Illuminati crearono il libertalismo per riflettere il loro darwinismo sociale assieme all’ideologia della supremazia razziale. Con il suo gemello opposto, il comunismo, controllano perfettamente la dialettica. L’efficacia di questa tattica è dimostrata dal loro corrotto “Movimento per la Verità”.

“Tu affermi che il marxismo è l’antitesi stessa del capitalismo, ma per noi [i banchieri sionisti illuminati.] sono sacri entrambi in egual modo. E’ proprio per questo che sono l’uno opposto all’altro: così facendo ci consegnano i 2 poli di questo pianeta e ci permettono di esserne l’asse. “
Otto Kahn, investment banker

William S. Volker (1859-1947) era un ricco uomo d’affari. Costernato dalla crescita del socialismo in America, creò il Fondo Volker per sostenere una ideologia reazionaria basata sul “laissez-faire” e il darwinismo sociale. Questo sarebbe diventato poi il libertarismo.

Il libertalismo e la sua sorella gemella, l’economia austriaca, vennero inventati dal Potere Monetario per entrare in opposizione con il comunismo in una dialettica.

Secondo questo incredibile rapporto, “Volker non era un grande studioso e pensatore. L’ideologia che inziò a creare era un qualcosa di costruito da una semplice serie di conclusioni annebbiate, che si accordavano con il suo pensiero. Da queste conclusioni, fu compito di Volker trovare una serie di giustificazioni e susccessivamente proporre una “teoria unificante”, basandosi infine su una vera piattaforma filosofica. ”

Anche se Volker non era un economista nè un filosofo aveva i denari e, cosa molto importante forti collegamenti con l’Università di Chicago, fondata da John D. Rockefeller.

Questo fatto si rivelò essere una connessione cruciale.

Il nipote di Volker Harold Luhnow prese il controllo del Fondo nel 1944.

Friedrich Hayek pubblicò nello stesso anno ‘La via della schiavitù’. Con la sua difesa del capitalismo ‘laissez-faire’ e affermando che qualsiasi tentativo di regolamentazione porterebbe inevitabilmente al totalitarismo, l’autore fornì al fondo Volker esattamente ciò di cui aveva bisogno. Ordinò la ristampa del libro di Hayek con il supporto dell’Università di Chicago e fece in modo che il libro finisse in tutte le biblioteche degli Stati Uniti.

Il Fondo Volker avrebbe finanziato tutti i principali economisti austriaci e avrebbe avuto un impatto considerevole sul ‘Chicago School of Economics’.

Ludwig Von Mises, che non ha mai avuto un lavoro retribuito in nessuna università, venne mantenuto prima da David Rockefeller e poi per decenni ricevette denaro dal Fondo Volker e dagku uomini d’affari ad esso collegati, come Lawrence Fertig.

Ecco cosa ha da dire il biografo di Von Mises, Richard M. Ebeling:

“Molti lettori potrebbero rimanere sorpresi nell’apprendere quanto la  Graduate School e poi lo stesso Mises arrivato negli Stati Uniti, vennero tenuti a galla finanziariamente attraverso generose sovvenzioni dalla Fondazione Rockefeller. Infatti,nei primi anni in cui Mises si stabilì in america, prima della sua nomina come professore in visita presso la Graduate School of Business Administration presso la New York University (NYU) nel 1945, era quasi totalmente dipendente dalle borse di studio annuali che riceveva dalla Fondazione Rockefeller. ”

David Rockefeller disse: “Finalmente, nella sua dichiarazione più strabiliante, ha rivelato di considerarsi un seguace della scuola economia austriaca, Friedrich Hayek fu il suo insegnante alla London School of Economics nel 1930.».

Anche Murray Rothbard venne finanziato dal Fondo Volker:

“Rothbard iniziò la sua attività di consulenza per il Fondo di Volker nel 1951. Questa relazione durò fino al 1962, quando il VF venne sciolto. Una parte importante del lavoro di Rothbard per il VF consisteva nel leggere e valutare libri, articoli di riviste e altri materiali. Sulla base dei rapporti scritti da parte di Rothbard e di un altro lettore – Rose Wilder Lane – l’amministrazione del Volker Fund avrebbe deciso se intraprendere la distribuzione massiccia di opere particolari nelle biblioteche pubbliche.

Rothbard in seguito definì il suo lavoro con il Fondo Volker, “il miglior lavoro che abbia mai avuto in vita mia.”

Il Fondo Volker applicò una tattica che avrebbe trovato una ben più ampia applicazione in seguito: generò un enorme numero di organizzazioni, liberamente strutturate per suggerire una reciproca indipendenza e un ‘Movimento Libertario’. Tra questi vi fu la Foundation for Economic Education, che a sua volta creò la Mont Pelerin Society.

LA MONT PELERIN SOCIETY

La Mont Pelerin Society venne nominata in questo modo dopo che si tenne la prima conferenza nelle alpi svizzere. Venne fondata da Hayek con il sostegno finanziario del fondo Volker, che pagòper le spese di tutti i partecipanti americani. I principali co-fondatori furono von Mises, Milton Friedman e Karl Popper.

Sono stati vinti un totale di otto premi Nobel per l’economia dai membri della Mont Pelerin. Non male, per un ‘movimento marginale, ignorato dai mainstream media’.

Il Mont Pelerin, a sua volta, supervisionò la creazione di molte istituzioni influenti. Una di loro era l’Institute of Economic Affairs of London, nel 1955. Questa organizzazione reinventò il partito conservatore, di cui Margeret Thatcher disse:. “Ha creato l’atmosfera che ha reso possibile la nostra vittoria … Posso dire come siamo grati a coloro che si sono uniti a questo grande sforzo. Erano pochi, ma avevano ragione, e hanno salvato la Gran Bretagna. ”

La MPS creò anche la Heritage Foundation, così come il Manhattan Institute for Policy Research e l’Atlas Economic Research Foundation, che a sua volta fece nascere un marasma di think tank, tra cui l’Istituto Fraser.

La quantità di denaro investito in tutto questo è tremenda:

LA FAMIGLIA KOCH

Il Fondo Volker è stato scioltao nel 1962. C’erano ancora $ 7 milioni in beni, che vennero dati alla società Hoover.

Ma nel frattempo un’altra famiglia ebrea molto ricca, la famiglia Koch (vedi ‘The Zionist Billionaires Who Control Politics »), prese le redini dell’organizzazione.

Fred Koch fondò la John Birch Society nel 1958. Ed Griffin venne educato in questa società. In seguito scrisse un famoso libro, “La creatura di Jekyll Island”. L’opera è un rimaneggiamento del brillante libro di Eustace Mullins ‘Secrets of the Federal Reserve’‘, con una sola eccezione: tralasciò tutte le analisi di Mullins sullo standard aureo come strategia dei banchieri e di come la richiesta del pagamento in oro delle imposte da parte della Gran Bretagna, fosse stata la causa del Guerra di Indipendenza. Si chiede invece il ripristino dello standard aureo. Questa è una parte fondamentale di come l’economia austriaca è riuscita a conquistare il ‘Movimento per la Verità‘.

Il figlio di Koch, Charles Koch fondò il Cato Institute, insieme a Murray Rothbard. Il Cato Institute resta ancora oggi una delle organizzazioni leader per quanto riguarda il libertalismo.

IL TRATTO EBRAICO DEL LIBERTALISMO

La maggioranza dei leader libertiani sono o furono ebrei. Von Mises, Rothbard, Ayn Rand, Irwin (e Peter) Schiff.

Rothbard stesso aveva interessanti punti di vista sulla razza e sulle disuguaglianze del mercato libero: “Rothbard era orgoglioso di essere un ‘razzista’, perché il razzismo mostrava la vera fonte di disuguaglianza del mercato libero, vale a dire la genetica. Per Rothbard la fede nella diseguaglianza biologica era parte del progetto libertario, perché la disuguaglianza razziale è semplicemente il riflesso della natura sui mercati. Inoltre, questa non è stata una conversione improvvisa: Rothbard promuoveva gli stessi ideali, già nel 1973“.

L’ideale della supremazia ebraica quindi, può essere rintracciato direttamente nel principale fautore dell’Economia austriaca.

CONCLUSIONE

Il libertarismo e l’Economia austriaca non sono i prodotti di straordinari liberi pensatori. Al contrario, tutti i principali sostenitori del movimento erano individui altamente collegati tra loro. Nei primi anni del Fondo Volker vennero messe a disposizione ingenti somme di denaro, perché l’economia austriaca venne considerata la “risposta giusta” al comunismo, in modo da mantenere la dialettica di cui aveva bisogno il potere moneario (vedi anche:Banker Explained “Occupy America” Scam).

Lungi dall’essere un movimento marginale, i discepoli della Mont Pelerin totalizzarono ben 8 premi Nobel.

Ai giorni nostri in cui il comunismo non è più considerato una minaccia, ma con il marxismo / liberalismo / il “politically correct” che rappresentano una grande forza nelle nazioni occidentali, il libertarismo sta vivendo una nuova primavera supportando con le sue ideologie la resistenza nei mezzi di comunicazione alternativi .

La dialettica non accenna a diminuire.

Fonte

Advertisements

Informazioni su neovitruvian

Non fidatevi dei vostri occhi, sono facilmente ingannabili, ricercate in voi stessi quella forza che vi permette di distinguere il vero dal falso. Il mondo così come è non va. Mi basta questo.

Pubblicato il 18 febbraio 2012 su Capitalismo, Comunismo, David Rockefeller, Economia austriaca, Fondo Volker, Illuminati, Libertalismo, marxismo, Milton, Mises, Mont Pelerin Society, Popper, Ron Paul, socialsmo, Standard Aureo. Aggiungi ai preferiti il collegamento . 13 commenti.

  1. Neovitruvian,
    Lei allora cosa propone? Cosa consiglia di fare? Quali soluzioni propone per la società e/o gli individui? Sono curioso -lo scrivo con assoluta sincerità- di conoscere le sue proposte…

  2. Più analizzo ed osservo le situazioni, più mi rendo conto che grandi soluzioni non ce ne sono. La massa è soggetta alle fluttuazioni create dalla propaganda del sistema stesso e pochi sembrabo davvero interessati a capire come funziona il meccanismo.

    Una volta scorto il meccanismo si sente il bisogno di comunicarlo per provare a sventarlo, ma la massa pesa e il suo peso non si sposta. E’ nel carattere umano avere paura dei cambiamenti, si preferisce far finta di nulla oppure accettare/subire come fosse impossibile sottrarsene ed è come un cane che si mangia la coda.

    Il cambiamento spesso avviene drasticamente, quando qualcosa tocca talmente da vicino che non può più essere ignorato, e a questo segue un nuovo stato di coscienza.

    La chiave è in questo stato, nella comprensione dell’ambiente circostante e nella preparazione di un futuro che potrebbe avvenire.

    Il potere è astuto e continuerà a giocare il suo gioco fino all’ultima mano. L’obiettivo, alla fine, è sempre il potere non il denaro.

    • Certo la massa pesa preferisco però dare il mio contributo, serve anche a me stesso! Io come molti altri cerchiamo di portare avanti un ideale che va oltre il mero guadagno o potere è un atto di deliberata volontà contro ciò che ci sta schiacciando. Non è casuale questa avanzata illuminata e questo aumento della coscienza, siamo alla resa dei conti….non è un buon momento per affrontare passivamente il nemico

  3. icittadiniprimaditutto

    Reblogged this on i cittadini prima di tutto.

  4. E’ il movimento di questo periodo che pone le basi per poterlo fare, proprio perchè il cambiamento è drastico e lo è su più livelli.

    Molti di noi lavorano su diversi e sfaccettati gradi di conoscenza, a ognuno il suo, ma tutti desideriamo lavorare perchè questo mondo migliori.

  5. Ringrazio chi mi ha risposto, ma le soluzioni? 😉 Noto da tempo che i naviganti del web, rispecchiando pienamente il mondo “reale”, sanno bene cosa NON vogliono ma hanno qualche difficoltà a fissarsi degli OBIETTIVI e lavorare per raggiungerli. Sbaglio?

    • Prima va eliminato il sistema presente poi si potrà parlare di soluzioni. Per distruggere il sistema la gente deve cambiare, per fare questo c’è bisogno di continuare ad informare. Le soluzioni sono facili da trovare ma vanno prima studiate in base ad una popolazione Libera con la “L” grande, le facilonerie ci stanno portando al baratro. Comunque tu che chiedi soluzioni, le hai mai cercate, o ne hai mai formulate?

      • Neovitruvian,
        il mondo esterno non esiste, è solo lo specchio di noi stessi. Voler cambiare “la gente” è puerile se prima non si vuole cambiare se stessi.
        La soluzione che personalmente propongo è la creazione e/o partecipazione a sistemi di distribuzione come qui esposti:
        http://www.glollo.com/site/index.php/distribuzione
        Solidarietà, Sovranità, Cooperazione, Redistribuzione dei Profitti.
        Ma non è una Verità: Dio me ne scampi!

        Per dissolvere la tenebra bisogna essere luce.

  6. signor jacopo, le “soluzioni” le deve trovare dentro di sè, non in un blog.

    • Rev.Stone,
      la ringrazio. Ci mancherebbe altro che volessi trovare soluzioni in un blog!
      Il punto è che parlare continuamente dei problemi senza proporre significa fare la stessa cosa dei media di regime.
      Il mio vuole essere un suggerimento, poi spetta a chi mi legge capire se vuole ardere per diventare una torcia o ardere e basta 😉
      A rileggerla.

  7. Tutto è sempre più chiaro, vero?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: