Draghi: Abbiamo bisogno di un’unione fiscale, non dell’intervento delle banche

Draghi, rivolgendosi al Parlamento europeo di Bruxelles, ha indicato che le banche taglieranno i tassi di interesse ufficiali per la seconda volta in due mesi, poiche i rischi per le prospettive economiche sono aumentati. Ha aggiunto che la Bce potrà comprare i bond per abbattere i tassi di prestito “ma in maniera limitata” e dovrà esserci un “approfondimento” per quanto riguarda i rapporti fiscali tra i paesi membri. “Quello di cui credo abbia bisogno la nostra unione economica e monetaria è una politica fiscale compatta – una riaffermazione delle regole fiscali fondamentali e degli impegni fiscali reciproci che hanno stabilito i governi dell’eurozona”. “Ci si può chiedere se una nuova e più compatta politica fiscale sarebbe sufficiente a stabilizzare i mercati e come possa essere utile una visione a lungo termine quando si chiede di risolvere i problemi nell’immediato. La nostra risposta è che una scelta del genere è il primo passo per recuperare credibilità”.

“Draghi sta cercando di gestire le aspettative del mercato facenco capre che la BCE non si comporterà come la Bank of England e la Federal Reserve (sarebbe più facile creder a Babbo Natale…nota personale),” afferma Michala Marcussen.

Draghi ha detto ai deputati: “La politica monetaria della BCE è guidata dal costante obiettivo di mantenere la stabilità nella zona euro sul medio termine – e questo vale per la stabilità dei prezzi in entrambe le direzioni.”

“Questi commenti non aprono la possibilità di un taglio dei tassi”, ha detto Jeremy Stretch, responsabile della strategia valutaria al CIBC World Markets.

La BCE ha inaspettatamente tagliato i suoi tassi di interessi di un quarto di punto all’1,25 per cento all’inizio di questo mese e in un sondaggio di Bloomberg News quasi tutti gli economisti prevedono che ci sarà una riduzione di un altro quarto di punto quando ci sarà l’incontro politico l’8 dicembre.

Draghi si unisce ad un coro di voci che chiede a Bruxelles di prende il controllo dei bilanci nazionali in modo da fermare il collasso dell’euro.

Fonte

 

Annunci

Informazioni su neovitruvian

Non fidatevi dei vostri occhi, sono facilmente ingannabili, ricercate in voi stessi quella forza che vi permette di distinguere il vero dal falso. Il mondo così come è non va. Mi basta questo.

Pubblicato il 2 dicembre 2011 su Europa, Mario Draghi, Nwo, Unione Fiscale. Aggiungi ai preferiti il collegamento . 4 commenti.

  1. icittadiniprimaditutto

    Reblogged this on i cittadini prima di tutto.

  2. aspetto con ansia la recensione del video di lady gaga marry the night.. C’ho capito poco, ma pare proprio che sia stata settata da piccola

  3. http://www.facebook.com/notes/paolo-ferraro/il-progetto-mondialista-nele-sue-linee-essenziali/185649161529077
    http://paoloferrarocdd.blogspot.com/2011/09/larcipelago-delle-massonerie-e-i-ghetti.html

    ” O se ne assume consapevolezza agendo di conseguenza, o si è parte del problema, in termini di servitù o di connivenza con le classi sub/dominanti e dominanti (anche) della nostra Patria.”

  1. Pingback: Draghi: Abbiamo bisogno di un’unione fiscale, non dell’intervento delle banche

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: