Moria di uccelli: Migliaia di uccelli morti lungo la baia di Maumee, sul lago Erie

La forestale dice di non avere idea di quello che sta uccidendo migliaia di anatre e di oche lungo il Lago Erie e il fiume Maumee.

Quando questo trend venne scoperto, solo alcuni uccelli erano “infettati”. A partire da Venerdì, circa 200 uccelli sono rientrati nella casistica di questa misteriosa malattia.

Gli uccelli ammalati semplicemente perdono il controllo motorio prima di morire.

Nessuno sa quanto questa presunta malattia potrebbe diffondersi.

“Potrebbe non essere dannoso per gli esseri umani, ma non è una possibilità che si può scartare tanto facilmente, dobbiamo quindi capire veramente quello che sta accadendo”, ci riferisce Laura Zitzelberger.

Finora i test in laboratorio hanno confermato che i volatili non sono morti di influenza aviaria.

I dirigenti della forestale di Stato dicono che forse non si saprà mai la causa della loro morte ma che in ogni caso non è da escludere a priori che si tratti di un evento naturale.

Fonte

Informazioni su neovitruvian

Non fidatevi dei vostri occhi, sono facilmente ingannabili, ricercate in voi stessi quella forza che vi permette di distinguere il vero dal falso. Il mondo così come è non va. Mi basta questo.

Pubblicato il 23 febbraio 2011 su Lago Erie, Maumee, Moria animali, Moria uccelli. Aggiungi ai preferiti il collegamento . 2 commenti.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: