Wikileaks: La guerra segreta italiana in Afghanistan

 

Un rapporto basato sui documenti di Wikileaks mostra in dettaglio il coinvolgimento militare italiano in Afghanistan, afferma che il nostro paese abbia tenuto una serie di operazioni segrete responsabili della morte di civili afghani.

Il rapporto descrive una serie di incidenti, che includevano raid aerei sui villaggi e il fallimento del governo di Kabul per utilizzare i soldi dell’Unione Europea in maniera efficace. Sulla base di più di 10.000 documenti dal sito Wikileaks, il rapporto è stato pubblicato in Italia dall’espresso lo scorso Mercoledì.

Il giornalista Fabrizio Maronta commenta: “Noi siamo lì ufficialmente per il mantenimento della pace, la ricostruzione delle varie strutture e soprattutto del governo. Questo è il modo in cui l’ [establishment politico in Italia] ha venduto all’opinione pubblica italiana la missione in Afghanistan. ”

Poco tempo fa, tuttavia, in Italia il Ministro della Difesa Ignazio La Russa ha detto che il paese sta progettando di aumentare il suo contingente militare da 2.800 a 4.000 soldati entro la fine del 2010.

 

EROI?

Advertisements

Informazioni su neovitruvian

Non fidatevi dei vostri occhi, sono facilmente ingannabili, ricercate in voi stessi quella forza che vi permette di distinguere il vero dal falso. Il mondo così come è non va. Mi basta questo.

Pubblicato il 20 ottobre 2010 su Afghanistan, Black ops, WikiLeaks. Aggiungi ai preferiti il collegamento . Lascia un commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: