Archivi categoria: Rivolte Londra

Le rivolte di Londra e come l’elite le ha usate a proprio vantaggio

Originariamente innescati da un caso di brutalità della polizia, gli scontri di Londra divennero ben presto una espressione del generalizzato malcontento del giovane proletariato di oggi. Il miscuglio tra i poveri in quartieri simili a ghetti in combinazione con l’oppressione continua della polizia è da sempre una combinazione esplosiva. I disordini di Los Angeles del 1992 e le sommosse francesi del 2010 si svolsero in circostanze molto simili. Mentre da una parte è ovvio che molti rivoltosi non hanno assolutamente alcun programma politico, tranne il saccheggio di alcune bottiglie di liquore, le rivolte sono comunque il risultato di anni di segregazione dei poveri e delle minoranze in combinazione con l’oppressione della polizia.

Mentre i media sembrano concentrati nel dipingere i rivoltosi come un branco di teppisti ubriachi che non hanno niente altro da fare, è chiaro per i cittadini della zona che le tensioni crescenti con la polizia avrebbero portato a questo tipo di sfogo. Ecco una intervista che descrive “l’altra parte della storia” (non credo che la BBC si aspettasse questo tipo di risposta).

ORDINE DAL CHAOS

Detto questo, gli scontri di Londra potrebbero essere esattamente ciò che la classe dirigente necessita per promuovere un paio di punti dell’agenda. Il motto dell’elite è Ordo Ad Chao, ovvero ordine dal caos. Di volta in volta, situazioni caotiche sono state “ammesse” – se non completamente costruite a tavolino – al fine di creare panico e paura tra la popolazione. Le masse sconvolte chiedereanno poi all’elite un intervento risanatorio, una rapida soluzione. Il risultato di questi interventi è quasi inequivocabilmente lo stesso: l’introduzione di norme e regolamenti a svantaggio del cittadino medio dando più poteri (non democraticamente) all’elite.

Le nuove politiche non verrebbero normalmente accettate dalla popolazione in generale, ma a causa del panico generato dalla crisi, le politiche non vengono solo accettate ma accolte a braccia aperte. La Grande Depressione del 1929 ha consentito ai Rockefeller e ai Morgan di dirottare il sistema bancario, il 9 / 11 ha aperto la strada al Patriot Act, il salvataggio dalla “crisi” consegnò 700 miliardi di dollari dei contribuenti ad alcune aziende … lo stesso schema si ripete continuamente. Creare una crisi, farla durare abbastanza a lungo da ottenere una popolazione preoccupata e introdurre la soluzione, che faceva parte del programma sin dall’inizio. La popolazione ci casca, ogni singola volta.

Utilizzando i mezzi di comunicazione di massa, è facile creare un panico diffuso. Basta interrompere uno show televisivo con le “Breaking News”, con uno striscione rosso nella parte inferiore dello schermo con le scritte in grassetto è sufficiente per far aumentare il battito cardiaco collettivo di una nazione, e rendere nota una situazione in pochi minuti. Nei giorni che seguiranno, tutti i media ci ricorderanno costantemente questa particolare situazione. Il martellamento costante farà sembrare la situazione insostenibile sentendone parlare in continuazione in TV leggendo i giornali e su internet. Dopo un po ‘, il cittadino medio è portato a desiderare solo una cosa: che la terribile sensazione nauseante creata dalla situazione cessi immediatamente, non importa come. Dopo che il problema si è protratto a lungo, i media presentano una o più soluzioni. Non comprendendo appieno queste soluzione, ma stanca e infastidita, la maggior parte della gente penserà: “Beh, se è questo quello che ci vuole per farli tacere e far cambiare la situazione, allora sono d’accordo.”

L’elite sta alimentando gli scontri di Londra in modo che durino abbastanza a lungo da creare un sentimento di panico? Ci sono già fonti che affermano il fatto che alla polizia è stato ordinato di non intervenire da quando la rivolta è cominciata (secondo un articolo del Daily Mail dal titolo Why police were so soft on London looters: They ‘were ordered to stand and observe’ as capital burned (but in Manchester they were hunting looters within hours. Stiamo inoltre già vedendo nei media, l’emergere di un ordine del giorno specifico e un appello per l’adozione di politiche specifiche che, prevedibilmente, andranno contro gli interessi della collettività.

LE RIVOLTE DEL BLACKBERRY – L’AGENDA NASCOSTA

Dopo un solo giorno di disordini, un ordine del giorno evidente emerse nei media e uno specifico colpevole venne individuato dalle autorità: la privacy della messaggistica mobile. Allo stesso modo una foto di bin Laden apparì negli schermi TV dopo pochi minuti l’11 settembre, la messaggistica mobile è stata additata come la causa principale dei disordini di Londra. Diversi media hanno persino soprannominato questi eventi “le rivolte del Blackberry”. I media, essendo il braccio destro dei poteri forti, hanno guidato l’attenzione del pubblico verso un ordine del giorno specifico.

Secondo le notizie, i disordini di Londra sarebbero stati principalmente orchestrati utilizzando il servizio dei Blackberry di messaggistica istantanea (noto come BBM), che è un servizio (relativamente) privato in quanto le comunicazioni sono crittografate. Ecco un tipico articolo che analizza il Blackberry, da Reuters:

Le rivolte del Blackberry

    Il primo ministro richiede la sospensione del BBM per calmare i disordini nel Regno Unito

    Un deputato Martedì  ha proposto l’interruzione del servizio di messaggistica istantanea dei BlackBerry dopo che i rivoltosi lo hanno utilizzato per mobilitarsi a Londra e in altre città britanniche.

    David Lammy, Membro del Parlamento per il Tottenham, dove per decadi disordini stile quelli di Londra iniziavano ogni Sabato, ha fatto un appello su Twitter e su radio BBC:

    Sospendere il BlackBerry Messenger (BBM).

    “Questo è uno dei motivi per cui dei criminali poco sofisticati stanno fregando una forza di polizia altrimenti sofisticata”, ha detto su Twitter. “BBM è diverso in quanto è criptato e la polizia non può accedervi.”

    I disordini, in cui negozi sono stati saccheggiati e dove auto ed edifici sono stati dati alle fiamme, si sono sviluppati in Gran Bretagna a Birmingham e in altri centri.

    I politici e la polizia accusano della violenza i criminali e i teppisti, ma alcuni commentatori e abitanti locali dicono che alle radici della rabbia ci sono le difficoltà economiche, in una città dove le prospettive di molti giovani sono nulle.

    Molti dei rivoltosi preferiscono il BlackBerry Messenger a Twitter e ad altri social media, perché i suoi messaggi sono criptati e privati, ma il servizio è ampiamente utilizzato e i messaggi possono essere facilmente inviati a gruppi.

    La Research In Motion affermò lunedì in una dichiarazione a riguardo: “In tutti i mercati del mondo dove il BlackBerry è disponibile, collaboriamo con gli operatori delle telecomunicazioni locali, con le forze dell’ordine e i funzionari di regolamentazione.”

    Il blog sul BlackBerry della Research in Motion è stato violato Martedì da un gruppo hacker chiamato Teampoison. Il gruppo ha inviato un avvertimento alla società: non collaborare con la polizia.

    “Non darete assistenza la polizia britannica perché se un innocente membro del pubblico fosse nel posto sbagliato al momento sbagliato possedendo un blackberry verrà accusato senza ragione”, dice la nota.

    “Se assisterete la polizia, dando loro i log della chat, le posizioni gps, informazioni sui clienti e l’accesso al BlackBerryMessengers ve ne pentirete, abbiamo accesso al database che include le informazioni dei vostri dipendenti, ad esempio – Indirizzi, nomi, numeri di telefono ecc – Ora se darete una mano alla polizia, renderemo pubbliche queste informazioni e la passeremo ai rivoltosi “.

    GIOVANE CLIENTELA

    Sameet Kanade, analista del Northern Securities a Toronto, ha dichiarato: “Il RIM avrà bisogno di una direttiva delle autorità britanniche. L’unico motivo lecito per cui un si possono intercettare le comunicazioni da cellulare è quello giuridico.

    “In termini di meccanismo attuale, il RIM ha sempre sostenuto di non essere in grado di decriptare/decifrare i messaggi instradati attraverso il server BIS o BES. Potrebbe essere in grado di disabilitare il routing dei messaggi nella migliore delle ipotesi, da quanto ho capito “.

    Geoff Blaber, analista della società di ricerca britannica delle telecomunicazioni CCS Insight, ha detto: “Una possibilità potrebbe essere quella di spegnerlo. Ma il BBM è molto popolare e ha una grande base installata nel Regno Unito. “

    Il BlackBerry Messenger o BBM come è popolarmente noto, ha spinto le vendite di un nuovo pubblico per il RIM negli ultimi anni espandendosi dalla sua base di strumento per i dirigenti fino ad un target di clientela più giovane.

    Ha più di 45 milioni di utenti attivi in ​​tutto il mondo, il 70 per cento dei quali lo utilizzano quotidianamente, per l’invio di miliardi di messaggi ogni mese.

    Gli utenti con i piani dati possono inviarsi istantaneamente messaggi di testo, immagini e altri file senza dover sostenere spese dal loro gestore della rete.

    Il RIM ha attraversato brutti periodi da un lato a causa della cooperazione con i governi, vista come repressiva, e dall’altro per non aver cooperato a sufficienza con le esigenze di sicurezza delle autorità in alcuni paesi.

    I suoi servizi criptati, sono stati accusati di spalleggiare gli attacchi dei militanti in India e di permettere a uomini e a donne non in contatto tra loro di comunicare in Arabia Saudita e negli Emirati Arabi Uniti.

    Nel mese di agosto dello scorso anno, una fonte vicina al RIM e alle autorità saudite ha riferito che l’azienda canadese avrebbe accettato di consegnare le informazioni che avrebbero permesso il monitoraggio del BBM.

    Un accordo è stato raggiunto anche negli Emirati Arabi, evitando la minaccia di divieto su tutti i servizi BlackBerry.

    L’azienda dice di collaborare con le autorità di tutto il mondo per creare uno standard uniforme.

    Il RIM è stato relativamente disposto a fornire alle autorità l’accesso ai propri servizi, ai clienti, come nel caso del BBM, ma dicono di non aver modo di controllare la posta elettronica aziendale.

    Nel caso dell’India, il RIM ha dato alle autorità l’accesso ai servizi di BlackBerry Messenger, ma proclamò di non avere le capacità tecniche di intercettare le e-mail aziendale sul popolare dispositivo.

    L’India ha chiesto l’accesso a tutti i servizi BlackBerry come parte degli sforzi per combattere la militanza e le minacce alla sicurezza su Internet e attraverso le comunicazioni telefoniche

    A Londra, il vice commissario Stephen Kavanagh della Metropolitan Police ha detto Martedì: “La polizia ha ottenuto il monitoraggio estensivo di questo modello di messaggistica BlackBerry.”

    La polizia non ha risposto immediatamente alla richiesta di maggiori dettagli sul come sono stati monitorati questi messaggi.

    – Fonte

Dopo alcuni giorni passati a ripeterlo, la popolazione è convinta: I disordini non sono il risultato di disparità o della brutalità della polizia, sono invece il risultato di una privacy troppo estesa nelle comunicazioni mobili. Questo tipo di tumore deve essere fermato. La polizia, o chiunque altro voglia, deve essere in grado di monitorare tutte le nostre comunicazioni, in ogni momento, o le nostre città bruceranno. Questo è il messaggio che viene trasmesso ossessivamente al pubblico. Proprio tutti i rivoltosi possiedono un Blackberry? Io non la penso così, ma questo non è importante. L’agenda è stata già impostata.

Messo sotto torchio e di fronte alla possibilità di una cattiva pubblicità, il RIM (la società che ha creato il Blackberry) è stato messo sotto pressione nel tentativo di costringerlo a violare la privacy dei propri abbonati e di divulgare le loro informazioni personali. Normalmente, questo avrebbe causato indignazione, ma ora, a causa delle rivolte, la popolazione generale ritiene che questo gesto sia necessario per fermare questi disordini e per evitare che ci siano ulteriori rivolte.

L’attenzione dei media sul RIM, e la conseguente pressione data dal dover consegnare le informazioni sensibili alle autorità, hanno portato all’hacking del sito ufficiale del Blackberry, il 9 agosto, da un gruppo che si è opposto alla condivisione delle informazioni personali dell’utenza.

Il sito ufficiale del blackberry hackerato

Questo è il messaggio lasciato dagli hacker per RIM:

Caro RIM;

Non assisterai la polizia britannica perché se succederà, membri innocenti del pubblico che saranno nel posto sbagliato al momento sbagliato possedendo un blackberry verranno accusati senza motivo, la Polizia sta cercando di arrestare quante più persone possibile per salvarsi dall’imbarazzo … se assisterete la polizia, dando loro i log della chat, le posizioni gps, informazioni sui clienti e l’accesso al BlackBerry Messanger ve ne pentirete, abbiamo accesso al database che include le vostre informazioni sui dipendenti, ad esempio – Indirizzi, Nomi, numeri di telefono, ecc – ora se supporterete la polizia, abbiamo l’intenzione di rendere pubbliche queste informazioni passandole ai rivoltosi … volete veramente un gruppo di giovani arrabbiati davanti alla porta di casa dei dipendenti? Pensateci … e non credo che la polizia proteggerà i vostri dipendenti, la polizia non può proteggere se stessa figurarsi gli altri …. se verrà fatta la scelta sbagliata il database sarà reso pubblico, evita l’imbarazzo e fa la scelta giusta. non essere un burattino ..


    – TriCk – TeaMp0isoN -

- Fonte

Nonostante le minacce, il RIM dichiarò il 10 agosto di essere a totale disposizione per collaborare con le forze di polizia. Ciò significa che i log delle chat, le posizioni GPS e le informazioni sui clienti archiviate nei database RIM potranno essere utilizzati dalla polizia per rintracciare e perseguire sospetti rivoltosi. Coinvolti nel panico causato dalla tumulti, la maggior parte degli inglesi sarà d’accordo con queste misure. Non si rendono conto però che in questo momento si creano “precedenti” pericolosi e uno dei risultati più ovvi sarà quello della riduzione della privacy un passo collettivo verso uno stato di polizia. Questi tipi di politiche possono essere introdotte solo durante i periodi di caos. Invece di provocare indignazione, la popolazione in realtà applaudisce la conformità della RIM al governo britannico. Perché, dopo tutto, quale compagnia vorrebbe essere dalla parte di questi saccheggiatori ubriachi?

ACCETTAZIONE DI UNO STATO DI POLIZIA

Prolungare le rivolte ancora per diversi giorni serve ad un altro importante scopo: l’accettazione, e perchè no anche l’accoglienza, di misure da stato di polizia. Ogni giorno di ulteriori disordini fa sì che il cittadino medio sia sempre più favorevole all’utilizzo di misure drastiche da parte del governo. Al momento della stesura di questo articolo, gli elementi conservatori del governo stanno già invocando l’imposizione della legge marziale e di sparare a vista ai rivoltosi, Ecco un sondaggio (prodotto da NewsCorp della Sun TV) che descrive perfettamente come una popolazione può diventare favorevole all’oppressione quando si verifica il caos (non dimentichiamo, naturalmente, che è possibile che la Sun TV ci abbia ingannato sui numeri per dare un’illusione di consenso per quanto riguarda l’uso della forza).

Il sondaggio mostra che il 77 % della popolazione sarebbe d’accordo con l’idea di far scendere l’esercito per le strade di Londra (Legge marziale). Vediamo anche che 1 cittadino su 3 non si preoccuperebbe di veder un rivoltoso crivellato di pallottole vere.

CONCLUDENDO

Se i disordini di Londra hanno avuto origine da profonde problematiche sociali che coinvolgono l’esclusione dai privilegi della cittadinanza e la brutalità della polizia, l’elite sta cogliendo al volo l’occasione per promulgare la sua agenza. Non stupitevi se, in un prossimo futuro, salteranno fuori notizie riguardo agenti provocatori messi li per fomentare le rivolte. La violenza giustifica la repressione. In altre parole, l’elite ha bisogno della violenza per rendere le sue politiche accettabili. Dopo pochi giorni di scontri (che è stato garantito continueranno), è stato introdotto e accettato dalla popolazione un cambiamento importante nella tecnologia della comunicazione: la chat, localizzazione GPS e altre informazioni private possono ora essere controllate dalle autorità per “attività sospette” . Ancora qualche giorno e la popolazione sarà pronta ad accettare la legge marziale e altre tattiche normalmente utilizzate di solito nei regimi oppressivi del 3 mondo.

Essere “pro” o “contro” la rivolta è, in ultima analisi, un dibattito irrilevante. La cosa più importante da considerare sono le conseguenze e i cambiamenti che interesseranno le nostre nazioni negli anni a venire. A quali interessi servono i disordini? La povera gente di Londra vuole un pezzo più grande della torta? Oppure la classe dirigente vuole giustificare un controllo più profondo della vita dei privati cittadini?

Fonte

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 525 follower