Archivi categoria: Incendio

La Russia in fiamme

Il mese scorso, la Russia ha affrontato il luglio più caldo mai registrato da 130 anni data in cui vennero fatti i primi rilevamenti climatici. Il caldo intenso e la siccità che hanno colpito la Russia centrale hanno causato l’essiccazione degli alberi e delle paludi, che recentemente sono stati la causa degli  incendi nelle foreste, nei campi e nelle case in una zona largamente abitata. Il presidente Dmitry Medvedev ha dichiarato lo stato di emergenza in sette regioni. Ad oggi, oltre 1.500 case sono state distrutte e 40 vite sono state perse. Gli incendi si estendono e continuano per oltre 300.000 ettari.

Un soldato cammina in mezzo a delle betulle carbonizzate, distrutte da un incendio nella periferia della città russa di Voronezh, il 30 luglio 2010. (REUTERS / Sergei Karpukhin)

Residenti locali mentre osservano un cielo fumoso vicino ad un fuoco di torba in una foresta nei pressi della città di Shatura, circa 130 km (81 miglia) a sud-est di Mosca, Giovedi, July 29, 2010. Le paludi di torba sono iniziate a bruciare nella Russia centrale a seguito di una ondata di caldo senza precedenti. (AP Photo / Sergey Ponomarev) #

Un uomo russo guarda la foresta bruciare a Beloomut  1 ° agosto 2010. (ANDREY SMIRNOV / AFP / Getty Images) #

Resti di un edificio bruciato tra le ceneri nei pressi della città di Vyksa, circa 150 km (93 miglia) a sud-ovest della città di Nizhny Novgorod Volga 29 luglio 2010. (REUTERS / Mikhail Voskresensky) #

La reazione di una donna nei pressi di una casa in fiamme fuori dalla città di Vyksa, Russia 29 luglio 2010. (REUTERS / Mikhail Voskresensky) #

Vigili del fuoco al lavoro per estinguere un incendio nei pressi di un edificio in fiamme fuori dalla città di Vyksa, Russia 29 luglio 2010. (REUTERS / Mikhail Voskresensky) #

Una donna che porta le mani al viso, allontanandosi da un vasto incendio vicino a Vyksa, Russia il 29 luglio 2010. (REUTERS / Mikhail Voskresensky) #

Uomini a piedi davanti un edificio in fiamme vicino a Vyksa, Russia il 29 luglio 2010. (REUTERS / Voskresensky Mikhail) #

Un uomo siede per terra, mentre la sua casa brucia dietro di lui. Vyksa, Russia il 29 luglio 2010. (REUTERS / Mikhail Voskresensky) #

Un residente locale corre in mezzo al fuoco in una foresta nei pressi della cittadina di Lubertsi, a sudest di Mosca nel Shatura  29 Luglio 2010. (AP Photo / Sergey Ponomarev) #

In questa foto satellitare del 28 luglio 2010 della NASA, il fumo degli incendi nei pressi di Mosca è visibile in tutta la Russia centrale. I punti rossi indicano gli incendi, l’immagine copre 900 km (560 miglia) da un lato all’altro. La città di Mosca è situata vicino al bordo sinistro, nella parte inferiore della foto. (AP Photo / NASA) #

Persone che camminano lungo la Piazza Rossa di Mosca, sullo sfondo nebbioso si possono vedere la cattedrale di San Basilio e il mausoleo del fondatore dello stato sovietico Vladimir Lenin  2 agosto 2010. (REUTERS / Alessandro Natruskin) #

Un allevatore di capre passa tra una linea di veicoli militari che trasportano soldati per combattere gli incendi boschivi a Ryazanovka, in Russia il 1 agosto entro il 2010. (KOROTAYEV ARTYOM / AFP / Getty Images) #

Forti venti piegano gli alberi, nel villaggio di Beloomut ormai un paesaggio bruciato, circa 130 chilometri da Mosca il 31 luglio 2010. (ANDREY SMIRNOV / AFP / Getty Images) #

Un uomo russo passeggia tra le rovine della sua casa bruciata a Voronezh il 1 ° agosto 2010. (Ministro russo Alexey / AFP / Getty Images) #

Una bambina che indossa una mascherina si affaccia dal balcone sotto un cielo pieno di fumo nel villaggio di Beloomut, Russia il 31 luglio 2010. (ANDREY SMIRNOV / AFP / Getty Images) #

Un pennacchio di fumo appare sopra un bosco rinsecchito mentre brucia nei pressi di un sobborgo della città di Voronez, Russia, 1 agosto 2010. (Foto AP / Metzel Mikhail) #

Un aereo cisterna rilascia circa 42 tonnellate di acqua su una foresta in fiamme nei pressi di un sobborgo della città di Voronezh 1 agosto 2010. (Foto AP / Metzel Mikhail) #

Le fiamme strisciano lungo il pavimento della foresta grazie  all’erba secca e agli alberi che bruciano nei pressi di un sobborgo di Voronezh  1 Agosto, 2010. (Foto AP / Metzel Mikhail) #

Un pompiere lavora per spegnere un fuoco in una foresta vicino al villaggio di Ryazanovka, Russia 29 luglio 2010. (KOROTAYEV ARTYOM / AFP / Getty Images) #

Residenti locali fanno gruppo per trasportare i secchi di acqua per spegnere un fuoco in una foresta vicino alla città di Shatura, Russia, July 29, 2010. (AP Photo / Sergey Ponomarev) #

Una donna russa piange stringendo un bambino tra le braccia accanto ai resti della sua casa bruciata a Voronezh 1 ° agosto 2010. (Ministro russo Alexey / AFP / Getty Images) #

Rovine di alcune case, distrutte da un incendio nella foresta alla periferia della città Voronezh, 31 luglio 2010. (Foto AP / Metzel Mikhail) #

I resti carbonizzati di una macchina di fronte a un camino di una casa rasa al suolo dall’incendio, nel villaggio di Mokhovoe, 30 Luglio 2010. (Foto AP / Chistoprudov Dmitry) #

Un uomo cammina attraverso un gruppo di alberi carbonizzati sul bordo di Voronezh, Russia centrale, il 31 luglio 2010. (Ministro russo Alexey / AFP / Getty Images) #

Un vigile del fuoco lavora per spegnere gli incendi boschivi, alla periferia della città russa di Voronezh, 30 luglio 2010. (REUTERS / Sergei Karpukhin) #

Una donna seduta circondata dai resti della sua casa nel villaggio di Mokhovoye, circa 130 chilometri da Mosca il 31 Luglio 2010. (KOROTAYEV ARTYOM / AFP / Getty Images) #

Brucia l’erba secca vicino alla città di Voronezh, Russia, 31 Luglio 2010. (Foto AP / Metzel Mikhail) #
La carcassa carbonizzata di un uccello nel villaggio di Mokhovoe distrutto in precedenza da un incendio boschivo, 30 luglio 2010. (Foto AP / Chistoprudov Dmitry) #
Una residente locale cerca di trovare i resti dei suoi averi tra le rovine di una casa bruciata ai margini di Voronezh, Russia centrale, il 31 luglio 2010. (Ministro russo Alexey / AFP / Getty Images) #
Un’auto carbonizzata vicino agli edifici distrutti nel villaggio di Mokhovoe Russia Venerdì 30 Luglio 2010. (Foto AP / Chistoprudov Dmitry) #
Donne si coprono il volto, mentre il fumo degli incendi si fa pesante fuori dal centro abitato di Vyksa, Russia il 29 luglio 2010. (REUTERS / Voskresensky Mikhail) #
Una donna passa davanti a una chiesa, mentre il fumo pesante degli incendi  oscura il cielo vicino alla città di Vyksa, Russia il 29 luglio 2010. (REUTERS / Voskresensky Mikhail) #
Una donna tiene con se  delle icone religiose e una croce, sullo sfondo gli incendi, al di fuori della città di Vyksa, Russia il 29 luglio 2010. (REUTERS / Voskresensky Mikhail) #
Un vigile del fuoco si versa dell’acqua addosso, nei pressi di una casa in fiamme vicino a Vyksa, circa 150 km (93 miglia) a sud-ovest del  Volga nella città di Nizhny Novgorod Volga 29 luglio 2010. (REUTERS / Voskresensky Mikhail) #
Una donna cammina davanti a un cimitero nel villaggio di Beloomut, l’aria è piena del fumo degli incendi nelle vicinanze il 31 luglio 2010. (ANDREY SMIRNOV / AFP / Getty Images) #
Un vigile del fuoco lavora per spegnere un fuoco che brucia il bosco vicino a Voronezh  1 Agosto 2010. (Foto AP / Metzel Mikhail) #
Donne russe spostano vasi contenenti le riserve alimentari provenienti dalla cantina della loro casa bruciata a 15 km da Mosca a Ostafyevo il 2 agosto 2010. (YELENIN BORIS / AFP / Getty Images) #
GOOGLE EARTH
L’incredibile quantità di incendi divampati soprattutto nella Russia centrale da fine luglio a oggi.
Una donna reagisce nei pressi di una casa in fiamme fuori dalla città di Vyksa, Russia il 29 luglio 2010. (REUTERS / Mikhail Voskresensky) #
Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 534 follower